Carpinelli, da Cossiga esempio per rendere mondo migliore

"Rifiutò frantumazione in isole identitarie che ci rende poveri"

 "Rifiutare la frantumazione in tante piccole isole identitarie, che ci lascia tutti più isolati e più poveri, e coltivare le menti e le coscienze per capire il mondo e renderlo più accogliente per tutti". Per Massimo Carpinelli, rettore dell'Università di Sassari, è questa la principale eredità di Francesco Cossiga, ottavo presidente della Repubblica italiana. A lui - studente prodigio, avvocato, docente universitario, politico, deputato, ministro, premier, presidente del Senato oltre che prima carica dello Stato - oggi è stata dedicata una giornata di studi alla quale, a dieci anni dalla sua scomparsa: una cerimonia a cui, ha preso parte anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che ha anche reso omaggio alle tombe di Cossiga e di un altro suo predecessore sassarese, Antonio Segni.

"La sua presenza testimonia del vivo interesse per il mondo della cultura e per la nostra comunità", è il saluto rivoltogli dal rettore prima di ricordare la figura del politico sassarese e delle sue idee basate "su una rigorosa fede cattolica e un altrettanto solida fede nella laicità dello Stato", ha detto Carpinelli.

"Il presidente fu un vero sassarese, era legatissimo alla sua terra ed era un ardente fautore dell'autonomia universitaria, sarebbe contento del modello che abbiamo dato al nostro ateneo, investendo su ricerca e istruzione", ha sottolineato prima di concludere dicendo che "Francesco Cossiga, pur orgogliosamente e dichiaratamente sardo, si mosse sullo scacchiere della politica nazionale e internazionale da italiano e da cittadino del mondo, sdegnando steccati geografici o ideologici".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie