Sanità: Gimbe, in Sardegna quota ticket più bassa d'Italia

Osservatorio, la media pro capite è di 33,5 euro

In Sardegna la quota pro-capite totale per i ticket è la più bassa d'Italia ed è pari a 33,5 euro. È l'ultimo report dell'Osservatorio Gimbe realizzato integrando i dati del Rapporto 2020 sul coordinamento della finanza pubblica della Corte dei Conti con quelli del Monitoraggio AIFA della spesa farmaceutica 2019.
    "Nata per moderare i consumi - afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE - la compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria ha finito per costituire un rilevante capitolo di entrata per le Regioni in un'epoca caratterizzata da un definanziamento della sanità pubblica senza precedenti".
    Nel 2019 le Regioni hanno incassato per i ticket 2.935,8 milioni (48,6 pro-capite), di cui 1.581,8 milioni (26,2 pro-capite) per farmaci e 1.354 milioni (22,4 pro-capite) per prestazioni specialistiche, incluse quelle di pronto soccorso.
    Dall'analisi emergono notevoli differenze regionali relative sia all'importo totale della compartecipazione alla spesa, sia alla ripartizione tra farmaci e prestazioni specialistiche: in particolare, se il range della quota pro-capite totale per i ticket oscilla dai 33,5 in Sardegna a 90,8 euro in Valle d'Aosta, per i farmaci l'importo varia da 15,3 euro in Piemonte a 36,4 euro in Campania, mentre per le prestazioni specialistiche si va da 8,5 euro in Sicilia a 65,3 euro in Valle d'Aosta.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie