Sardegna

Video sversamenti Saras, Procura indaga

Cagliari, accertamenti per escludere ipotesi inquinamento

Hanno controllato i sistemi antinquinamento della raffineria e fatto un sopralluogo all'interno dello stabilimento. Una dozzina di agenti forestali, inviati dalla procura della Repubblica di Cagliari, si è presentata a Sarroch davanti ai cancelli della raffineria Saras esibendo il decreto di ispezione firmato dal sostituto procuratore Enrico Lussu che ha aperto una inchiesta, a maggio, dopo l'esposto di un gruppo ambientalista che ha denunciato una serie di episodi chiedendo alla magistratura di verificare se ci sia stato inquinamento nell'area.

Nelle mani del pm c'è anche un video anonimo nel quale viene ripreso lo sversamento di un liquido scuro in mare. La Saras ha già precisando che si è trattato dello spostamento di alghe da un luogo all'altro dello specchio d'acqua antistante la raffineria. L'inchiesta è affidata agli uomini del Corpo Forestale regionale guidati da commissario Fabrizio Madeddu. Nulla al momento è filtrato in merito all'esito dell'ispezione: nelle prossime ore una relazione verrà consegnata al magistrato che mantiene il massimo riserbo sulle indagini.

VIDEO ANONIMO - La Procura di Cagliari ha acquisito un video anonimo di circa due minuti, comparso per pochissimo tempo su Facebook e poi rimosso, in cui si documenta lo sversamento in mare di liquidi scuri da parte della raffineria Saras di Sarroch.

Il fascicolo è stato aperto dal pm Enrico Lussu che affidato le indagini agli uomini del nucleo investigativo del corpo forestale: spetterà a loro risalire all' autore del video ed accertare la natura delle sostanze, così da escludere o confermare l'ipotesi di inquinamento.

In Procura vige la massima prudenza, anche perché la Saras è comunque legittimata, dopo appositi trattamenti, ad effettuare sversamenti di liquidi non inquinanti o di alghe. Su questo stanno lavorando gli investigatori, che dovranno far luce, appunto, sulla natura di quanto gettato in mare, datare il filmato e risalire all'autore.

Sul tavolo del pm c'è anche una denuncia presentata nei mesi scorsi da un'associazione ambientalista che segnala una serie di episodi sospetti. Sono decine le segnalazioni sull'attività della Saras, perlopiù anonime, che arrivano in Procura: lo scorso anno tre esposti per presunto inquinamento riconducile alla raffineria dei Moratti sono stati tutti archiviati senza alcun altro strascico penale. 

"NESSUN MISTERO, SOLO ALGHE" - "Il video mostra acqua di mare mista ad alghe (di qui, il colore scuro) che era stato necessario spostare da una parte all'altra dello specchio acqueo antistante il porticciolo delle imbarcazioni di servizio, per evitarne l'accumulo che avrebbe bloccato i mezzi anti-inquinamento".

Così la Saras sul filmato anonimo acquisito dalla Procura di Cagliari. La società dei Moratti esclude, quindi, qualsiasi ipotesi di inquinamento. "In seguito alle potenti raffiche di scirocco della scorsa primavera - fa sapere l'azienda - le alghe avevano occupato l'area destinata alla movimentazione dei natanti, che per obbligo di legge devono essere sempre pronti all'intervento. Proprio per liberare lo specchio di mare della piccola darsena, era stata utilizzata una tubazione per convogliare le alghe da un lato all'altro della rada. Restiamo a disposizione degli inquirenti per qualsiasi chiarimento".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie