Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Operatori del 118 aggrediti durante un soccorso a Foggia

Operatori del 118 aggrediti durante un soccorso a Foggia

'Siete arrivati in ritardo'. Calci e pugni contro l'ambulanza

FOGGIA, 04 marzo 2024, 12:18

Redazione ANSA

ANSACheck
Un 'ambulanza in una immagine di archivio -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Un 'ambulanza in una immagine di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un 'ambulanza in una immagine di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

 Aggressione ai danni degli operatori del 118 durante un intervento di soccorso a Foggia. Stando a quanto ricostruito, gli operatori sanitari sono stati allertati dalla centrale operativa ieri mattina per un intervento e quando sono giunti sul posto sono stati aggrediti da un uomo che li ha minacciati e ha sferrato calci e pugni contro l'ambulanza, accusando il personale di essere arrivato tardi.

I sanitari sono risaliti a bordo dell'ambulanza e hanno contattato le forze dell'ordine. Sul luogo dell'intervento è stato inviato un nuovo mezzo di soccorso e gli operatori - a quanto si è appreso - sono riusciti a riportare la calma e a condurre in ospedale la persona che necessitava di cure. "Non siamo tutelati, chiediamo maggiori garanzie", dicono gli operatori del 118. Le indagini sono affidate alla polizia che sta ricostruendo l'esatta dinamica dell'accaduto.

"Sono stati momenti terribili, non è bello lavorare in questo clima", ha raccontato Luigi, 39 anni, autista dell'ambulanza. Quindici anni di esperienza alle spalle, Luigi ha ricostruito le fasi dell'aggressione. "Siamo stati allertati dalla centrale operativa per un codice rosso - ha spiegato - e in pochi minuti siamo giunti sul posto. Già mentre arrivavo alla guida dell'ambulanza, insieme al soccorritore e all'infermiere, ho notato l'agitazione di una persona che, appena giunti, non ci ha dato nemmeno la possibilità di scendere dal mezzo perché ha iniziato ad inveire contro di noi, accusandoci di essere arrivati in ritardo, minacciandoci di morte e dando calci e pugni contro il mezzo. Abbiamo tentato di riportarlo alla ragione spiegando anche che dovevamo soccorrere la persona per cui eravamo stati chiamati. Ma non ci è stato possibile nemmeno scendere dal mezzo. Quando abbiamo capito che la situazione non sarebbe rientrata siamo andati via, allertando la centrale che ci ha messi in contatto con le forze dell'ordine".

Luigi racconta anche di aver subito un tentativo di speronamento mentre l'ambulanza si allontanava dal luogo dell'intervento da parte - con ogni probabilità - dello stesso autore dell'aggressione. "Pochi minuti ma davvero brutti - ha continuato Luigi - Non è la prima volta che subisco aggressioni, così come è capitato a tanti colleghi. Continuare a lavorare in un clima simile non giova a nessuno. Né agli utenti, né a noi operatori sanitari che abbiamo paura di non ritornare a casa quando accadono episodi simili. Chiediamo di lavorare in serenità per poter assicurare tutte le garanzie di operatività all'utenza". Luigi racconta anche che "ci sono soggetti noti già alla centrale perchè autori di situazioni simili. Potrebbe anche essere un'idea quella di inserire i loro nomi in una black list in modo da allertare le forze dell'ordine quando interveniamo. Abbiamo avuto davvero paura", conclude. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza