Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

UniBa scopre quasicristalli in un meteorite caduto in Calabria

UniBa scopre quasicristalli in un meteorite caduto in Calabria

'Informazioni su materiali precedenti al sistema solare'

BARI, 12 febbraio 2024, 14:29

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un meteorite minuscolo eppure fondamentale perché al suo interno contiene un materiale ritenuto quasi impossibile perché viola le regole finora conosciute. E' stato scoperto in Calabria da un collezionista che poi ha contattato l'università di Bari che, con l'Agenzia spaziale italiana e l'università di Firenze, ha cominciato a studiarlo. E ha scoperto che contiene i cosiddetti 'quasicristalli', leghe rarissime, rintracciate sulla Terra in un'altra sola occasione.
    Per gli scienziati il meteorite potrebbe contenere "materiali precedenti alla formazione del Sistema Solare". Alla ricerca ha partecipato un pool di scienziati guidati, per l'Uniba, dalla docente di Mineralogia Giovanna Agrosì.
    I primi risultati, che hanno portato alla pubblicazione su una prestigiosa rivista internazionale, sono stati presentati oggi a Bari. Presenti, oltre ad Agrosì, anche il rettore di Uniba, Stefano Bronzini, il direttore del dipartimento di Scienze della Terra Giuseppe Mastronuzzi, la ricercatrice dell'Asi Eleonora Ammanito. In collegamento video il direttore del dipartimento di Scienze della Terra dell'università di Firenze, Luca Bindi.
    "Il meteorite - ha spiegato Agrosì - contiene una lega di alluminio e rame con dentro i quasicristalli". Si tratta della seconda scoperta al mondo: "La precedente - ha aggiunto - era stata studiata nel 2011 a Khatyrka, nell'Est della Siberia, da un team internazionale del quale faceva parte Bindi", considerato uno dei massimi esperti al mondo di questa materia.
    "I quasicristalli - ha detto Bindi - sono strutture che tendono al cristallo ma non lo sono. Abbiamo trovato uno stato transazionale della materia che non è né un pezzo di vetro né un cristallo". Il meteorite è custodito nel museo di Scienze della Terra dell'università di Bari e sarà oggetti di nuovi studi.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza