Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Misseri torna libero, un amico 'pronto a ospitarlo' ad Avetrana

Misseri torna libero, un amico 'pronto a ospitarlo' ad Avetrana

'Per me non ha ucciso Sarah, vuole tornare a lavorare nei campi'

TARANTO, 11 febbraio 2024, 10:11

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Per me non è stato Michele, lui è sempre stato buono. Per me non è stato lui, quello che dice non è vero". Così Vincenzo Romano, un amico d'infanzia di Michele Misseri, che questa mattina si è presentato davanti alla villetta in via Deledda 22, ad Avetrana, dove fu uccisa Sarah Scazzi, avendo saputo della scarcerazione di 'zio Michele' che ha scontato una condanna a 8 anni di reclusione per la soppressione del cadavere della nipote, e ha beneficiato di una riduzione detentiva di 596 giorni. "Sono contento - ha detto Romano, assediato dai cronisti - del ritorno in libertà di Michele. Gli ho scritto più volte, quasi ogni mese, mi ha raccontato la sua vita in cella, che cucinava per gli altri detenuti. Nelle lettere non parlavamo della vicenda giudiziaria anche se lui ha ripetuto in tv di essere il colpevole. Lo sto aspettando, se vuole può venire a casa mia. Può darsi che l'abbia preso mio figlio dal carcere ma ho saputo anche che si era offerto un prete di accompagnarlo".
    Nelle lettere, Michele gli "chiedeva dei suoi terreni. Quando arriva qui - ha detto Vincenzo Romano - si occuperà prima di tutto di sistemare la casa. Penso che voglia venire a vivere qui. Mai una parola comunque su moglie e figlia. Diceva che era stato male in carcere, ma ora potrà tornare a lavorare nei campi, a cui continua a tenere molto".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza