Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Omicidio di mafia a Bari nel 2021, giudizio immediato per due

Omicidio di mafia a Bari nel 2021, giudizio immediato per due

Ivan Lopez ucciso nel quartiere S.Girolamo mentre tornava a casa

BARI, 05 dicembre 2023, 10:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La gip di Bari Rosa Caramia ha emesso decreto di giudizio immediato nei confronti di Davide Lepore e Giovanni Didonna, il 30enne e il 28enne ritenuti responsabili dell'omicidio di Ivan Lopez, commesso sul lungomare IX maggio di Bari - nel quartiere San Girolamo - la sera del 29 settembre 2021. I due, assistiti dagli avvocati Marianna Casadibari e Fabrizio De Maio, rispondono di omicidio pluriaggravato in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso perchè avrebbero agito per conto del clan "mafioso-camorristico" Capriati di Bari vecchia e del clan Parisi-Palermiti del quartiere Japigia, in lotta con il clan Strisciuglio che invece aveva il predominio sui quartieri San Paolo e San Girolamo. La gip ha ritenuto esistente anche l'aggravante della premeditazione.
    Lepore e Didonna, detenuti a Bologna e Viterbo, rispondono anche di porto e detenzione illegale di arma da sparo (Lopez fu ucciso con almeno sei colpi di pistola mentre tornava a casa su un monopattino elettrico) e del furto di due auto, una delle quali utilizzata per recarsi nei pressi dell'abitazione della vittima. Lepore, secondo i pm, sarebbe stato l'esecutore materiale dell'omicidio, mentre Didonna avrebbe aiutato a commettere il delitto rubando - circa venti giorni prima, a Polignano a Mare - un'Alfa Romeo Giulietta e una Fiat 500 L, poi effettivamente usata per raggiungere la vittima nei pressi della sua abitazione.
    Lopez, secondo gli inquirenti, sarebbe stato ucciso per ritorsione perché, insieme con suo fratello Francesco (ora collaboratore di giustizia), avrebbe compiuto delle estorsioni nei confronti di Lepore, titolare di alcune autorimesse di Bari e vicino al clan Capriati della città vecchia (e, in precedenza, al clan Parisi-Palermiti). I fratelli Lopez, invece, erano esponenti del clan Strisciuglio. L'omicidio, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, è maturato in un contesto di "fibrillazioni e delle contrapposte azioni di fuoco, incominciate nell'estate 2021, fra il clan Strisciuglio" e il clan Parisi-Palermiti di Japigia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza