Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Donna uccisa ad Andria, mortale il colpo al cuore

Donna uccisa ad Andria, mortale il colpo al cuore

Eseguita oggi autopsia sul corpo della 42enne

ANDRIA, 02 dicembre 2023, 19:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sarebbe stata una coltellata al cuore a uccidere Vincenza Angrisano, la donna di 42 anni assassinata ad Andria martedì scorso dal marito reo confesso, Luigi Leonetti. È quanto sarebbe emerso dalla autopsia eseguita nel pomeriggio di oggi nell'istituto di Medicina legale del Policlinico di Bari. Secondo quanto si apprende, la vittima sarebbe stata raggiunta da tre coltellate mentre si trovava sull'uscio della porta del bagno della piccola abitazione che si trova a tre chilometri dal centro abitato della città, e quella mortale sarebbe stata quella che l'ha raggiunta al petto.
    La 42enne, che si occupava della vendita di prodotti per la casa, sarebbe morta in poco tempo tanto che al suo arrivo, il personale del 118 chiamato dall'uomo, ha solo potuto constatarne il decesso. Ora si attendono gli esami di laboratorio su quanto repertato sul luogo del delitto, tra cui ci sono indumenti e il coltello impugnato dal 51enne che si trova in carcere a Lucera (Foggia) con l'accusa di omicidio volontario con l'aggravante di aver compiuto il fatto ai danni del coniuge. A eseguire gli accertamenti saranno i carabinieri del Ris e della scientifica.
    La salma intanto è stata riconsegnata alla famiglia e lunedì prossimo saranno celebrati i funerali.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza