Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Falcone: Decaro, 'mafia fa leva su paura e intimidazioni'

Falcone: Decaro, 'mafia fa leva su paura e intimidazioni'

Presidente Anci: 'Hanno tentato di ammazzare un'idea di Stato'

BARI, 23 maggio 2023, 19:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La strage di Capaci non è stata una strage che ha riguardato solo le mafie siciliane. La strage di Capaci è stata una strage italiana che ha ammazzato il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, gli agenti della sua scorta Rocco di Cillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro e, con loro, ha tentato di ammazzare un'idea di Stato che ha combattuto la mafia a viso aperto". Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente dell'Anci, Antonio Decaro, nel corso delle celebrazioni a Bari per il 31esimo anniversario della strage.
    "Giovanni Falcone per tutta la sua vita - ha aggiunto - ha guardato in faccia le mafie che rendevano prigioniera la sua terra e ha cercato di combatterle con le uniche armi che gli uomini delle istituzioni posseggono: le leggi. Giovanni Falcone non ha indietreggiato. Così come non ha indietreggiato Paolo Borsellino". "Ma abbassare la testa - ha detto Decaro - lasciar morire lì a Capaci anche lo straordinario lavoro del giudice Falcone, avrebbe significato farlo morire due volte. Perché è la paura il sentimento su cui la mafia fa leva attraverso le minacce, le intimidazioni, i cosiddetti avvertimenti".
    "Ed è qui che dobbiamo intervenire noi, le istituzioni - ha concluso - e lavorare insieme alle scuole, alle parrocchie, e alle associazioni: dobbiamo essere più forti nel costruire quella rete di protezione culturale e sociale che non lascia spazio alle loro voci".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza