Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Agromafie, Coldiretti Puglia 'allarme furto prodotti stagionali'

Agromafie, Coldiretti Puglia 'allarme furto prodotti stagionali'

A Foggia sparite 110 file di asparagi locali

BARI, 12 aprile 2023, 10:50

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'ultimo episodio, nelle campagne di Foggia, è avvenuto nelle vicinanze di Borgo Mezzanone dove sono sparite 110 file di asparagi locali. A denunciare il moltiplicarsi dei raid sul territorio, specialmente nelle ore notturne, è Coldiretti Puglia, secondo la quale "le attività criminose sono legate alla stagionalità delle produzioni" e sono condotte attraverso "squadre ben organizzate che tagliano i ceppi dell'uva da vino a marzo e aprile, rubano le ciliegie a maggio, l'uva da tavola da agosto a ottobre, le mandorle a settembre, le olive da ottobre a dicembre, gli ortaggi tutto l'anno" preferendo, in particolare, "i carciofi brindisini e gli asparagi foggiani" e portando via anche "gli olivi monumentali perché qualcuno evidentemente li ricerca".
    Secondo Coldiretti, "alla base dei furti ci sono specifiche richieste di prodotti redditizi perché molto apprezzati dai mercati", il fenomeno è diventato talmente preoccupante da aver spinto "alcuni agricoltori a organizzarsi con ronde notturne e diurne". Per questo Coldiretti chiede "l'attivazione di una cabina di regia tra il ministero delle Politiche agricole e il ministero dell'Interno che coordini le attività delle forze dell'ordine", sostenuto "con l'intervento dell'esercito in alcune aree a forte rischio".
    Secondo Coldiretti, le agromafie impongono i prezzi dei prodotti agricoli "con i classici strumenti dell'estorsione e dell'intimidazione", arrivando anche a rilevare direttamente alcuni esercizi commerciali approfittando della crisi economica, "grazie alle disponibilità di capitali ottenuti da altre attività criminose". In questo modo distruggono "la concorrenza e il libero mercato legale" e soffocano "l'imprenditoria onesta", compromettendo "in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti, con l'effetto indiretto di minare profondamente l'immagine dei prodotti italiani e il valore del marchio made in Italy".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza