Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Corte dei Conti Puglia, 4.810 procedimenti aperti nel 2022

Corte dei Conti Puglia, 4.810 procedimenti aperti nel 2022

Oggi l'inaugurazione dell'anno giudiziario

BARI, 01 marzo 2023, 16:57

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono 18.964 i procedimenti istruttori pendenti dinanzi alla Corte dei Conti pugliese al primo gennaio 2022, mentre sono 4.810 i nuovi procedimenti e 1.854 i decreti e le richieste istruttorie disposti. I dati sono contenuti nella relazione del procuratore regionale, Carlo Alberto Manfredi Selvaggi, presentata oggi a Bari in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2023. In totale sono state effettuate 9.674 archiviazioni; sono stati formulati 82 inviti a dedurre per un totale di 187 presunti responsabili; sono stati chiesti e ottenuti due sequestri conservativi, ante causam, per complessivi 3.277.729,81 euro; sono state depositate 72 citazioni in giudizi di responsabilità (di cui quattro riassunzioni), per un importo complessivo del danno erariale di 13.031.795,68 euro. La maggior parte dei dati, spiega la relazione, "rispetto all'anno precedente è in forte aumento, a testimonianza del considerevole impegno profuso". Sono aumentati di circa il 50% "gli inviti a dedurre e gli atti di citazione depositati con un complessivo danno erariale azionato pressoché triplicato rispetto all'anno precedente", mentre sono più che quadruplicati "i giudizi introdotti per la resa del conto". La relazione specifica che "sono stati richiesti e ottenuti, dopo diversi anni in cui non erano state attivate misure cautelari, due sequestri conservativi per importi considerevoli", inoltre è cresciuto "l'importo delle somme recuperate a seguito delle sentenze di condanna (con un incremento del 40% circa) e della spontanea riparazione (quest'ultima raddoppiata rispetto all'anno precedente), ulteriore segno della bontà del lavoro svolto da questa Procura".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza