Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Università: rettore UniBa, costituire federazione atenei Puglia

Università: rettore UniBa, costituire federazione atenei Puglia

Bronzini, investimenti non sarebbero in concorrenza

BARI, 14 febbraio 2023, 16:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una sola università pugliese, con un unico ateneo, un unico consiglio di amministrazione, un solo rettorato e un senato. E' l'idea esposta dal rettore dell'università Aldo Moro di Bari, Stefano Bronzini, nel corso del 13esimo congresso di Legacoop Puglia che si è svolto oggi nel capoluogo pugliese. "Sono disposto a dimettermi anche domani se si costituisse una federazione degli atenei pugliesi - dice Bronzini - e se si votasse un nuovo rettore". L'idea è "mettere intorno a un tavolo tutte le università pubbliche della regione per trasformarle in una federazione in grado di svilupparsi attraverso poli di ricerca sui singoli territori. "A Brindisi metterei l'energia - spiega Bronzini - a Taranto concentrerei archeologia e ambiente. A Lecce troverebbero posto le nanotecnologie, a Foggia l'agroalimentare e a Bari la sanità, la fisica, il calcolo, la chimica. Facoltà molto richieste come per esempio Giurisprudenza le lascerei su tutto il territorio, ma legate a un solo ateneo".
    Il vantaggio consisterebbe in "investimenti che non siano in concorrenza ma in coesione - dice -. Le risorse sarebbero distribuite in modo equo e non ci sarebbe una contesa degli studenti fra atenei". La possibilità, dice Bronzini, "è offerta dall'articolo 3 della legge 240, la cosiddetta legge Gelmini.
    "Ci sto ragionando da circa un anno - prosegue - con l'obiettivo di diventare il più grande ateneo in Italia. Alcuni colleghi sono scettici, altri ottimisti". "Il mandato di tutti noi scade insieme, nel 2025 - conclude -. Abbiamo due anni per impegnarci in una politica diversa rispetto a quella di frammentazione tipica degli anni Novanta. La decisione dipenderà comunque dal Curc, Comitato universitario regionale di coordinamento delle università pugliesi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza