Press Release

  • CRV - Presidente Consiglio regionale Veneto: “Dostoevskij raccontato da Paolo Nori a Padova domenica
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Presidente Consiglio regionale Veneto: “Dostoevskij raccontato da Paolo Nori a Padova domenica

invito alla riflessione sulla via della pace proposto da Giampiero Beltotto del teatro Stabile del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

(Arv) Venezia 13 mag. 2022  - “Devo fare i miei complimenti a Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto, che domenica 15 maggio  alle 11 apre le porte del “Verdi” di Padova per una conversazione con l’autore ed esperto di letteratura russa Paolo Nori sul romanzo ‘Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij’, proposto come grande riflessione sul valore dell’umano e del contributo che la cultura dà per illuminare la via che ‘sola, porta alla libertà e alla pace’ In questi giorni anche a livello internazionale finalmente si è sdoganata la parola Pace e si è tornato a parlare della necessità di ritornare al dialogo e alle trattative, come invocato da papa Francesco e sostenuto dalla migliore diplomazia italiana ed europea”. Il presidente del Consiglio regionale del Veneto saluta l’iniziativa della prossima domenica a Padova del Teatro Stabile del Veneto. “Si spezza il cerchio del silenzio e di quelle sanzioni culturali contro cui s’era scagliato  tra i primi Salvatore Settis intervenuto dopo la cancellazione dai programmi dell’Università Bicocca di Milano del ciclo di lezioni su Dostoevskij – spiega il Presidente del Consiglio regionale del Veneto - Paradossalmente, proprio la storia personale di Dostoevskij dovrebbe essere a tutti di ammonimento: condannato a morte, venne graziato dello Zar pochi istanti prima dell’esecuzione, con la pena trasformata in prigionia in Siberia, 4 anni di kulag, stenti e vessazioni che ne segnarono l’anima oltre che la salute. Dopo il concerto alla Fenice ’Musica per la Pace’ promosso dal Consiglio regionale del Veneto e dalla Città di Venezia, con l’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Ucraina che ci ha portato i suoi e lo spirito dell’anima ucraina, oggi è lo Stabile del Veneto a farsi promotore di una iniziativa di riflessione. Il processo di pace ha bisogno del sostegno di noi tutti ed esso passa innanzitutto attraverso la cultura".

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie