Press Release

CBD: il cannabidiolo e i suoi benefici per la pelle e per il corpo

 © ANSA
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale SEO Cube S.r.l.

Il CBD è un derivato della canapa che in Italia può essere consumato in modo legale. Nel nostro Paese, così come negli altri Stati della Ue, sono consentite la coltivazione e la lavorazione delle piante che non superano una concentrazione dello 0.2%. Noto anche con il nome di cannabidiolo, il CBD non solo può essere assunto senza rischi, ma garantisce anche numerosi vantaggi dal punto di vista del benessere.

La cura del corpo

Attraverso il CBD è possibile dedicarsi alla cura del proprio corpo e ottenere numerosi benefici, per esempio dal punto di vista della salute della pelle. Il CBD, proprio come il THC, è un ingrediente naturale che proviene dalla cannabis. Le somiglianze tra questi due principi attivi, però, si esauriscono qui: infatti, mentre il THC è in grado di causare situazioni di euforia e di sballo, nulla di tutto questo si può verificare con il CBD, che invece merita di essere impiegato per i trattamenti topici della beauty routine. Secondo un report dell’Oms, il cannabidiolo può essere assunto senza che si corra alcun rischio; di conseguenza, se ne possono apprezzare unicamente i vantaggi.

Dalla canapa al CBD

Quella della canapa è una coltivazione molto antica, forse addirittura una delle prime della storia dell’umanità: ci sono prove, infatti, che dimostrano la sua presenza in Cina già a partire dal 4.000 avanti Cristo. Il CBD ha dimostrato di essere in grado di favorire un ripristino dell’equilibrio nell’organismo umano: a seconda dei prodotti che vengono impiegati e delle modalità di utilizzo è possibile contrastare la sensazione di dolore, attenuare le infiammazioni, ritrovare un sonno migliore, idratare e nutrire la pelle o addirittura combattere gli stati di ansia. Le coltivazioni europee, come si è detto, si caratterizzano per un contenuto di THC che non supera lo 0.2%: una garanzia importante anche per chi si approccia al consumo per la prima volta.

La storia della cannabis

Con il passare dei secoli, le piante di cannabis sono state usate in tutto il mondo, dal Medio Oriente all’Europa, passando per la Russia: si è fatto riferimento ad esse, per esempio, a mo’ di medicinale allo scopo di alleviare i dolori e i crampi alle giunture, oppure come materia prima nel settore tessile, per la produzione di tessuti, di corte, di tela o anche di carta. Va detto, tuttavia, che nel recente passato lo scenario è mutato, almeno in parte: la ricerca del CBD, così come le sue nuove applicazioni, ha dovuto fare i conti con un brusco stop per effetto delle restrizioni legali che sono state applicate sul THC e sulla cannabis psicoattiva. Per fortuna adesso è chiaro che il THC e il CBD devono essere differenziate dal punto di vista legale: così i consumatori hanno la possibilità di accedere a prodotti sicuri che non hanno ripercussioni negative sulla salute.

I benefici offerti dal cannabidiolo

La prevenzione e la cura della psoriasi, ma anche il sollievo dalle irritazioni, sono solo alcuni dei numerosi vantaggi che vengono offerti dalle creme a base di CBD. Esse a volte possono essere coniugate con elementi dalle caratteristiche idratanti come il burro di karitè, l’olio di cocco o la cera d’api, così da assicurare un sollievo naturale ancora più intenso. Si ricorre a tali unguenti anche per la cura e la prevenzione dell’acne e per attenuare i dolori muscolari. Dal punto di vista della skincare, i prodotti con il CBD mantengono idratata la pelle e favoriscono la prevenzione rispetto ai danni causati dagli agenti atmosferici.

Benefici per la pelle

La pelle di chi usa prodotti con il CBD, dunque, è destinata a rimanere in salute e bella per effetto dei numerosi pregi di questo principio attivo. Le proprietà antinfiammatorie della sostanza possono essere combinate, ovviamente, con quelle di altri ingredienti: per esempio la farina di avena colloidale, che è presente in numerose formulazioni per la sua capacità di generare sulla pelle uno strato protettivo in grado di intrappolare l’umidità e fare in modo che la superficie possa essere protetta dagli agenti esterni. Nel caso in cui si opti per unguenti con ingredienti che hanno proprietà idratanti intensive, inoltre, essi stimolano i meccanismi di guarigione che vengono messi in atto dalla pelle che è stata danneggiata e promuovono le difese naturali. Infine, le creme a base di CBD possono essere integrate con estratti botanici che hanno un effetto lenitivo nei confronti della pelle, utile in caso di irritazione, di desquamazione e di arrossamento: tutte conseguenze di psoriasi, acne e altri disturbi infiammatori simili.

I prodotti emollienti a base di cannabidiolo

Sul mercato si possono trovare anche balsami emollienti, sempre con contenuto di CBD. In questi casi i vantaggi offerti dal normale olio di semi di canapa, come la presenza di acidi grassi e omega 3, vengono coniugati con quelli che derivano da ingredienti che fanno spesso parte di beauty routine, come il burro di cacao, l’olio di karitè e l’olio di cocco. Ne derivano dei rimedi naturali che contribuiscono a idratare la pelle, soprattutto quando è molto sensibile, e al tempo stesso offrono un sollievo efficace rispetto alle infiammazioni e alle irritazioni.

Perché il CBD fa bene alla pelle

La psoriasi e l’acne sono condizioni della pelle che vengono provocate da tossine che si ingeriscono attraverso quello che si mangia o che la pelle assorbe direttamente. Nel caso della psoriasi, le cellule della pelle crescono in modo veloce per poi dividersi, provocando un eczema. L’acne, invece, è dovuta a un eccesso di produzione di sebo, e riguarda non solo gli adolescenti. Questi sono due esempi di problemi della pelle che possono essere risolti con l’aiuto dell’olio di CBD, per cui si prevede un’applicazione topica. Con questo prodotto, la crescita cellulare viene ostacolata, e la pelle viene messa nelle condizioni di guarire con più facilità. La salute della pelle può essere ripristinata, e l’irritazione viene alleviata.

Un aiuto per gli sportivi

Infine, vale la pena di mettere in evidenza che i prodotti con il CBD possono rappresentare un prezioso aiuto per tutte le persone che fanno sport: non solo perché alleviano il dolore, e quindi sono utili nel caso in cui si sia reduci da infortuni, ma anche perché l’esercizio fisico può essere fonte di infiammazioni da spasmi muscolari che possono essere lenite da oli e creme ad hoc. Inoltre, chi si sottopone a sforzi molto intensi in occasione di un evento sportivo molto impegnativo, come per esempio una maratona, ha la possibilità di trovare nel CBD un alleato molto importante e di grande aiuto per un recupero corretto. E, ovviamente, le prestazioni sul campo (o in pista) non ne risentono in alcun modo, visto che il CBD non può essere fonte di sballo.

Dove comprare prodotti a base di cannabidiolo

Se si è alla ricerca di prodotti a base di cannabidiolo si può fare riferimento al webshop di Weedzard, che mette a disposizione un assortimento molto ampio di articoli che spazia dalle infiorescenze agli oli. L’e-commerce che permette a chiunque di effettuare gli ordini e di procedere ai relativi pagamenti direttamente online. Inoltre, le consegne vengono effettuate con spedizioni anonime a tutela della privacy e della riservatezza dei destinatari. Tutti i prodotti rispettano il limite di contenuto di THC previsto dalla legge.

  • SEO Cube S.r.l.
  • 03 luglio 2020
  • 11:36

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie