COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale news aktuell

Innovazione: I batteri intelligenti che hanno successo nel trattamento della diffusa sindrome del co

  • Una nuova terapia con lo speciale ceppo batterico B. bifidum HI-MIMBb75 promette di aiutare fino a 80 milioni di pazienti in Europa con lai sindrome del colon irritabile1.
  • Il più grande studio clinico al mondo, relativo al colon irritabile in ambito OTC, sull’efficacia del ceppo batterico pubblicato sulla rinomata rivista scientifica The Lancet Gastroenterology & Hepatology 2.
  • I risultati mostrano una efficacia significativa nel trattamento dei sintomi tipici e di tutti i sottotipi di sindrome del colon irritabile, migliorando allo stesso tempo la qualità della vita2.

  •  

(Gräfelfing/Monaco di Baviera, Germania) Il più grande studio al mondo sull’intestino irritabile in ambito OTC, pubblicato sulla rinomata rivista scientifica The Lancet Gastroenterology & Hepatology, ha mostrato risultati eccezionali. Per la prima volta, importanti scienziati tedeschi guidati dal Prof. Dr. Peter Layer dell’ospedale universitario israelitico di Amburgo, sono stati in grado di dimostrare la significativa efficacia di un ceppo batterico inattivato termicamente in pazienti con la sindrome dell'intestino irritabile. I risultati dello studio sullo speciale ceppo B. bifidum HI-MIMBbb75 hanno mostrato una significativa riduzione di tutti i sintomi caratteristici della sindrome del colon irritabile come diarrea, dolore addominale, flatulenza e costipazione in tutti i sottotipi di sindrome del colon irritabile. Allo stesso tempo si è evidenziato un miglioramento della qualità della vita rispetto ai pazienti sottoposti al placebo. Il ceppo batterico in esame è contenuto nel preparato disponibile esclusivamente in farmacia Kijimea® Colon Irritabile PRO.

La sindrome del colon irritabile – una malattia sociale
Solo in Europa, circa 80 milioni di persone1 soffrono di sindrome dell’intestino irritabile con i tipici sintomi come diarrea cronica, dolori addominali, flatulenza e costipazione. In uno scenario di questo tipo, le nuove scoperte scientifiche hanno fondamentale importanza, poiché promettono aiuto nel superare quello che spesso è un lungo calvario: possono passare infatti fino a otto anni prima che venga diagnosticata la sindrome del colon irritabile 3. Le persone colpite, di tutte le fasce di età, presentano gravi limitazioni nella loro vita quotidiana.

I risultati dello studio si sono già diffusi tra la comunità scientifica: “La cosa interessante di questo studio è che il cappo batterico inattivato termicamente qui esaminato ha dimostrato la sua ampia applicabilità nel trattamento di tutti i sintomi tipici e sottotipi di sindrome del colon irritabile. Questo ha permesso di riprendere i risultati di uno studio precedente in cui è stato esaminato il ceppo batterico attivo: un criterio di qualità decisivo nella ricerca clinica “, commenta per esempio il Medico e Professor Dott. Joachim Labenz, Direttore di Medicina interna presso l’ospedale Jung- Stiling di Siegen in Germania.

La barriera intestinale danneggiata – la causa comune della sindrome del colon irritabile

Le cause della sindrome del colon irritabile sono molteplici. Fattori genetici, alterazione della flora intestinale, stress o influssi ambientali vengono considerati fattori scatenanti. Oggi si presume che questi fattori possano compromettere la barriera intestinale, causando una maggiore permeabilità intestinale ("Leaky Gut "). In questo modo, germi patogeni e sostanze nocive possono penetrare nella barriera intestinale causando micro-infiammazioni. Di conseguenza si creano delle infiammazioni del sistema nervoso a livello dell’intestino quali diarrea cronica, dolori addominali, gonfiore e costipazione.

I batteri formano uno scudo protettivo
Il ceppo batterico inattivato termicamente B. bifidum HI-MIMBbb75, contenuto esclusivamente nel dispositivo medico Kijimea® Colon Irritabile PRO, si posiziona sulle aree danneggiate della parete intestinale come un cerotto (“effetto cerotto PRO”). Attraverso questa adesione alla parete intestinale, il ceppo batterico impedisce ai batteri dannosi di penetrare ulteriormente. La barriera intestinale grazie a questo cerotto può così rigenerarsi e i tipici disturbi intestinali quali diarrea cronica, dolori addominali, flatulenza o costipazione diminuiscono.

Sviluppo di prodotti innovativi da parte di Synformulas, Monaco di Baviera
Il dispositivo medico Kijimea® Colon Irritabile PRO è l’evoluzione intelligente del prodotto, leader di mercato in Germania, Kijimea® Colon Irritabile. Questo nuovo prodotto da banco (OTC) è disponibile esclusivamente in farmacia. L’innovazione è stata sviluppata da Synformulas, un’azienda leader internazionale di prodotti probiotici con sede a Monaco di Baviera.
 “Il nostro obiettivo, come leader mondiale di prodotti probiotici, è quello di aiutare il maggior numero di persone grazie a prodotti innovativi, sviluppati secondo le più recenti scoperte scientifiche e che dimostrano la loro efficacia con studi clinici di altissimo livello“, le parole del  Dott. Clemens Fischer, Medico e fondatore di Synformulas GmbH.


L’azienda Synformulas GmbH

Synformulas è leader mondiale in campo probiotici ed è specializzata nella ricerca di batteri intelligenti e nella commercializzazione di terapie innovative. L’azienda commercializza prodotti esclusivi per le farmacie con il marchio Kijimea, con particolare attenzione all’area gastrointestinale.

La capogruppo FUTRUE GmbH

Come incubatore di tendenze e innovazioni globali in ambito sanitario, il gruppo farmaceutico FUTRUE, con sede a Gräfelfing vicino Monaco di Baviera, vanta numerose autorizzazioni di dispositivi medici e farmaci nel campo dei batteri intelligenti, delle terapie del dolore innovative e della cannabis medica.

Per richiedere maggiori informazioni o del materiale fotografico aggiuntivo si prega di contattare il nostro addetto stampa.

Contatto stampa

Steffanie Siedler-Gey

Responsabile stampa

Tel.: +49 (0)89 8589639 - 120

E-Mail: presse@synformulas.com

 

Fonti:

1.Quigley E et al. Irritable bowel syndrome: The burden and unmet needs in Europe. Digestive and Liver Disease. 2006; 38; 717-723; Eurostat: Unione Europea & Eurozona: Popolazione totale dal 2009 al 2019 (in milioni di abitanti). Rilevato il 02.06.20: http://ots.de/aF1VMB.

Sulla base di una prevalenza in Europa del 15 %.

2. Andresen, V. et al. Heat-inactivated Bifidobacterium bifidum MIMBb75 (SYN-HI-001) in the treatment of irritable bowel syndrome: a multicenter, randomized, double-blind, placebo-controlled clinical trial. Lancet Gastroenterol Hepatol. 2020. http://ots.de/q37VOB.

Studio clinico multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, su 443 pazienti provenienti in tutta la Germania. Specificità: nella selezione dei soggetti da trattare sono stati specificatamente inclusi tutti i diversi sottotipi di IBS. Il progetto dello studio è stato realizzato secondo le linee guida dell'EMA per il trattamento della IBS.

Qualità della vita misurata sulla base della salute mentale vs. placebo

3. Rapporto medico 2019 del fondo assicurativo Barmer.

 

 

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie