Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Orso M29 in Val Grande, "mai avuti segnali problematici"

Orso M29 in Val Grande, "mai avuti segnali problematici"

Presidente del parco, ma non si vada a caccia delle impronte

VERBANIA, 29 aprile 2023, 18:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel parco nazionale della Val Grande, nel Verbano-Cusio-Ossola, vive l'orso M29: è un esemplare maschio, ha più di dieci anni ed è arrivato in Piemonte passando dalla Svizzera, dopo essere andato in dispersione partendo dal Trentino. Già nel 2019 era stata segnalata la sua presenza nel territorio, e negli ultimi giorni sono state rilevate alcune impronte nella neve tra la Bocchetta di Vald e il Moncucco, tra la Valle Loana e la Val Grande.
    L'animale, spiega il presidente del parco Luigi Spadone, non ha mai dimostrato comportamenti "problematici" e, in tutti questi anni, gli avvistamenti sono stati pochi, a testimonianza del suo carattere schivo. Da Spadone, poi, l'invito agli escursionisti affinché continuino a frequentare il parco senza timore, evitando però di andare a caccia delle impronte dell'animale. "Evitiamo questo tipo di turismo, che non ha senso e non c'entra nulla con il rispetto della natura", le sue parole al quotidiano La Prealpina.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza