Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Rinasce marchio Testadoro, primo modello la Barchetta 1951

Rinasce marchio Testadoro, primo modello la Barchetta 1951

Dario Pasqualini riporta in vita brand torinese degli anni '40

TORINO, 28 febbraio 2023, 18:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il marchio Testadoro rinasce sotto la guida di Dario Pasqualini, artista di Cumiana (Torino), che ha rilevato il brand della casa costruttrice di automobili attiva a Torino dal 1946 al 1949, quando le vetture venivano realizzate nelle botteghe. La prima auto del ritorno si chiama Testadoro Barchetta 1951 ed è stata realizzata durante la pandemia in un'officina alle porte di Torino. In realtà si tratta di un progetto incompiuto del 1951, una barchetta progettata per la classe 1100 Sport Internazionale con motore originale Fiat 1100 B pesantemente modificato. Pasqualini ha completato la costruzione della vettura con il supporto di Martino Colombo di Milano, cugino di Gilberto Colombo che progettava i telai per le Testadoro originali. La carrozzeria è stata affidata alla Martelleria Giacometto di Cumiana. Una vettura, quindi, la nuova Barchetta Testadoro 1951, dedicata all'epoca dei famosi battilastra torinesi, officine note come 'boite'.
    Il nome Testadoro è stato utilizzato per la prima volta su una speciale testata per motori progettata dall'ingegnere Arnaldo Roselli alla fine degli anni '30 del Novecento. Roselli incontra poi l'imprenditore torinese Giorgio Giusti e i due decidono di produrre la testata anche per la Fiat 508 Topolino, auto più popolare che consente quindi una maggiore diffusione del prodotto. L'azienda Testadoro, la "casa dell'Auto" di Giorgio Giusti, dura solo tre anni ma realizza nove vetture da corsa, inizialmente di derivazione Fiat 500 Topolino e poi originali in tutto, motori compresi. Massima espressione del marchio la Testadoro Daniela con il suo motore da 742cc da 45 CV a 6500 giri/minuto. La guidano Elio Zagato, pilota ufficiale della Squadra Testadoro, insieme a Nuccio Bertone, Gino Valenzano, Ugo Puma e allo stesso Giusti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza