Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'In altri anni t'avremmo bruciato', frase choc a bimbo ebreo

'In altri anni t'avremmo bruciato', frase choc a bimbo ebreo

Da suoi coetanei perché indossava la kippah

TORINO, 21 febbraio 2023, 19:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un ragazzino della scuola ebraica di Torino "partecipando a una festa di bambini con la kippah in testa si è sentito dire dai suoi coetanei 'peccato che non siamo in anni precedenti o ti avremmo potuto bruciare' e tutti gli altri si sono messi a ridere. Mi chiedo dove sentano certe cose e il ruolo delle famiglie". Lo ha rivelato il presidente della comunità ebraica torinese Dario Disegni, sentito oggi in audizione alla commissione Segre del Comune.
    "Le due armi fondamentali per vincere l'antisemitismo e l'odio sono educazione e cultura" - ha detto Disegni, ribadendo l'allarme per la "demonizzazione dello Stato di Israele, e non intendo la libera dialettica su scelte politiche che è oggetto di discussione anche fra i cittadini israeliani. E' una cosa che ci preoccupa. Se si fanno eventi in cui si accusa Israele di essere uno Stato razzista e che pratica l'apartheid si fanno accuse infamanti, storicamente false e che finiscono per spostare l'odio verso Israele nei confronti delle comunità ebraiche. Sono atteggiamenti che ci preoccupano". Il riferimento è al convegno, ospitato nelle scorse settimane, a Palazzo Civico e al centro di polemiche politiche. E durante l'audizione il consigliere di FdI Giovanni Crosetto ha chiesto alla Commissione "di prendere le distanze da tesi come quelle sostenute in quel convegno".
    "Purtroppo _ ha aggiunto Disegni - l'antisemitismo è un fenomeno in aumento a livello internazionale e la percezione degli ebrei in Europa è di crescente insicurezza. La preoccupazione per il fenomeno dell'odio social. Circa il 10% degli italiani è censito come antisemita, ma c'è un antisemitismo serpeggiante molto superiore".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza