Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ambientalisti occupano ingressi Rai e quotidiani a Torino

Ambientalisti occupano ingressi Rai e quotidiani a Torino

Extinction Rebellion, media informino su crisi climatica

TORINO, 17 febbraio 2023, 10:51

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Piccoli gruppi di attivisti di Extinction Rebellion Torino stanno occupando gli ingressi delle sedi torinesi dei quotidiani La Repubblica e La Stampa (via Lugaro 15) e della Rai (via Verdi 16 e via Cavalli 6). Hanno appeso un grande striscione, di una decina di metri, di fronte alla Rai di via Verdi, con la scritta: "Crisi climatica: governi colpevoli, dirai la verità?". L'obiettivo di queste azioni, come spiegano gli attivisti stessi, è di "chiedere ai media e ai giornalisti di informare la cittadinanza sulla crisi climatica e sull'inazione della Regione Piemonte".
    Le azioni pacifiche di oggi "rappresentano un messaggio diretto alle redazioni, una richiesta di aiuto" viene aggiunto.
    "Abbiamo bisogno di voi" si legge infatti sui cartelli che reggono in mano. "La scelta di essere qui questa mattina nasce dalla consapevolezza che il cambiamento che sappiamo necessario sarà possibile solo con l'aiuto di ognuna di voi, di ogni singola giornalista" afferma Caterina, dalla sede di Repubblica e La Stampa. "Siamo qui perché abbiamo bisogno di giornalismo di inchiesta, approfondito e accurato e per portare la nostra solidarietà ai giornalisti in sciopero contro un editore, Gedi, guidato dalla logica del taglio dei posti e dei compensi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza