Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucraina: Bread for Peace, dal carcere farina, pane, grissini

Ucraina: Bread for Peace, dal carcere farina, pane, grissini

Ad Alessandria prodotti realizzati nel Panificio sociale

ALESSANDRIA, 15 febbraio 2023, 14:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dalla collaborazione tra Nova Coop e Pausa Cafè con gli agricoltori di Leopoli nasce la prima filiera inclusiva per sostenere la sicurezza alimentare delle famiglie ucraine. Farina, pane e grissini per la pace in Ucraina sono prodotti da Pausa Cafè nel carcere di Alessandria e venduti nei principali negozi Nova Coop. E' questa la sfida alla base del progetto 'Bread for Peace', presentato oggi nel Panificio sociale della Casa di reclusione San Michele - alle porte di Alessandria - attivo da una decina di anni, dove sono impiegati alcuni detenuti. Il progetto ha inoltre permesso l'inserimento di quattro nuove persone nella linea di produzione di panificati all'interno del carcere, in affiancamento alle 4 già presenti.
    "Lavoro più solidarietà è un binomio importante, anche dal grande significato - sottolinea Elena Lombardi Vallauri, direttrice della casa circondariale -. Fondamentale garantire alle persone in esecuzione pena il lavoro come attività normale, come fossero all'esterno. Uscendo hanno così una professione in mano. C'è da parte dei detenuti forte partecipazione quando sanno di aiutare chi ha bisogno. La loro solidarietà si attiva spontaneamente, in silenzio e con umiltà, di fronte a situazioni di sofferenza. Come nel caso dell'Ucraina in guerra".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza