Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

De Biase, Torino città modello, cultura motore di sviluppo

De Biase, Torino città modello, cultura motore di sviluppo

Sul libro Una città laboratorio culturale la parola a 5 sindaci

TORINO, 21 gennaio 2023, 11:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La cultura potrà essere motore di sviluppo per Torino se la città continuerà a scommettere sui punti di forza che l'hanno contraddistinta negli ultimi decenni: la capacità di pianificare e quella di fare sistema, l'innovazione, la qualità del tessuto culturale, gli strumenti per coinvolgere i cittadini. E' il futuro che immagina Francesco De Biase, una esperienza durata più di 35 anni da dirigente pubblico nell'area della cultura della Città di Torino. Su questi temi - al centro del suo libro "Una città laboratorio culturale. Torino: storie, esperienze strategie", pubblicato da Franco Angeli - si confronteranno il 26 gennaio, al Polo del '900, gli ultimi cinque sindaci: Valentino Castellani, Sergio Chiamparino, Piero Fassino, Chiara Appendino e Stefano Lo Russo.
    Tutti insieme intorno a un tavolo, per parlare della città, tra presente e futuro. "Nessuna intenzione di fare pagelle, dare voti o esprimere giudizi. Il mio è un punto di vista parziale, non ha nessuna pretesa storica o scientifica", precisa De Biase, ma la sua voce ha un forte valore. I temi del suo libro sono strategici.
    "In questo testo - spiega - propongo un viaggio in una città che spesso è stata un laboratorio, una fabbrica di idee, movimenti, scoperte innovative in ogni ambito. Il 'laboratorio Torino' ha funzionato perché la città ha saputo pianificare il futuro". Lo ha fatto attraverso quattro Piani Strategici: nel 2000, nel 2006, nel 2015 e nel 2019. "Oggi le sfide sono tante, anche per la concomitanza di guerra, pandemia, crisi ambientale: c'è la sfida della cultura digitale, c'è la necessità di curare la fragilità e il disagio. Bisogna fare in modo che i presidi, i centri culturali siano più attenti. Torino ha l'opportunità dei fondi Pnrr, sono tanti e vanno spesi bene" sottolinea De Biase.
    "Bisogna avere una visione, pratiche di coprogettazione con associazioni, corpi intermedi. Servono progetti condivisi che guardino all'Internazionalizzazione, ma anche alle periferie.
    Bisogna dare alla cultura un ruolo fondamentale nel cambiamento".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza