Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Arrestato apolide con 17 condanne e 14 nomi falsi

Arrestato apolide con 17 condanne e 14 nomi falsi

Provvedimento Procura generale Perugia per 11 anni di condanne

PERUGIA, 13 gennaio 2023, 13:16

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Aveva 14 nomi falsi, 17 sentenze di condanna, oltre 11 anni di reclusione per vari furti commessi in cinque regioni dell'Italia centro-settentrionale un quarantunenne apolide arrestato dalla polizia di frontiera di Bardonecchia (Torino), su provvedimento di esecuzione delle pene concorrenti, emesso dalla Procura generale di Perugia nel 2016.
    L'uomo - ricorda l'Ufficio giudiziario del capoluogo umbro - era stato già bloccato in Francia per il reato di furto con scasso nel settembre 2022 e dopo circa tre mesi di reclusione presso il carcere di Grenoble-Varces, è stato accompagnato alla frontiera dal collaterale organo di polizia francese in virtù dell'accordo di Chambery e portato al carcere di 'Lorusso e Cutugno' di Torino.
    Secondo la Procura generale di Perugia guidata da Sergio Sottani, il quarantunenne in Italia si era reso responsabile di numerosi reati, l'ultimo dei quali di estorsione di un imprenditore commesso nel perugino in concorso con altre persone. Gli altri fatti illeciti sono stati invece contestati all'uomo a partire dal 1996, quando era ancora quattordicenne, e sarebbero stati compiuti in Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Lazio.
    Secondo gli inquirenti per eludere i controlli delle forze dell'ordine il latitante ha sempre fornito false identità.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza