Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dimessa dall'ospedale muore poche ore dopo: indagine dell'Asl

Dimessa dall'ospedale muore poche ore dopo: indagine dell'Asl

In turno medico gettonista. Fornaro: il Ministero invii gli ispettori

12 gennaio 2023, 10:10

Redazione ANSA

ANSACheck

Un corridoio di ospedale in una foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un corridoio di ospedale in una foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un corridoio di ospedale in una foto di archivio - RIPRODUZIONE RISERVATA

L'azienda sanitaria di Alessandria, Asl Al, ha avviato un'indagine interna per appurare i fatti e verificare eventuali responsabilità sul decesso di una paziente, dimessa dall'ospedale di Novi Ligure. L'accesso il 26 dicembre per sintomi da enfisema; poche ore dopo aver lasciato il presidio, è morta. Il servizio al Pronto soccorso del San Giacomo sarebbe appaltato a una cooperativa che - in corso accertamenti - avrebbe utilizzato per l'emergenza un medico senza la necessaria specializzazione. Come anticipato dal quotidiano 'La Verità', nei guai sarebbe finita una 37enne gettonista, esperta in medicina estetica, ingaggiata in Calabria per un turno a Novi.


    Nel foglio di uscita della 66enne - di Genova, in vacanza a Gavi (Val Lemme) - avrebbe consigliato una visita pneumologica di controllo, rimandando gli accertamenti al medico curante e consigliando aerosol una volta al giorno. La professionista parlerebbe di complicanze che possono succedere, dicendo che la signora avrebbe insistito per andarsene: in presenza di parametri fuori posto, sarebbe di certo stata trattenuta.

Il parlamentare Federico Fornaro (Articolo 1), presidente gruppo Pd Italia Democratica e Progressista, ha scritto al ministro della Salute Orazio Schillaci, richiedendo l'invio di ispettori in merito alla gestione dei Pronto soccorso da parte delle cooperative vincitrici di appalto, dopo il decesso di una paziente dimessa da poco.

    "Di fronte a fatti di questo genere - afferma - sollecito l'avvio di un'ispezione urgente all'Azienda sanitaria locale di Alessandria, da cui dipende il Ps di Novi Ligure, per fare piena luce sull'attività delle cooperative vincitrici di appalto, con particolare riferimento alle attività in diversi ospedali. La cooperativa di Vercelli in questione - precisa Fornaro - non sarebbe nuova a situazioni del genere: nell'ottobre scorso avrebbe prestato servizio un medico sospeso dall'esercizio della professione dall'Ordine di Genova".  

La Cooperativa Amaltea, con la presidente Patrizia Piantavigna, fa sapere di non essere parte coinvolta nella vicenda giudiziaria. Sempre la Cooperativa precisa di non aver ricevuto nessuna informazione di garanzia da parte della Procura di Alessandria, ne'  alcuna contestazione dall'Asl. "Riteniamo di dover cautelativamente sospendere la collaborazione con la dottoressa - rimarca la presidente Piantavigna - in attesa di un chiarimento della vicenda, ritenendo tuttavia che allo stato confidiamo nel buon operato della giustizia perche'  possa accertare eventuali responsabilita' . Ci mettiamo a disposizione dell'autorita' preposta per tutti i chiarimenti necessari per l'accertamento dei fatti. Fino a prova contraria riteniamo che il medico si sia comportato diligentemente, ma ribadiamo che la Cooperativa ha nella propria compagine medici abilitati e professionalmente preparati per lo svolgimento delle proprie mansioni".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza