Piemonte

Accolta domanda di estradizione No Tav Emilio Scalzo

Decisione giudici Torino su istanza magistratura francese

(ANSA) - TORINO, 01 OTT - La Corte di Appello di Torino ha accolto la domanda di estradizione presentata dalla Francia per Emilio Scalzo, l'attivista No Tav e no Border della valle di Susa arrestato su richiesta dell'autorità giudiziaria transalpina con l'accusa di aver percosso un gendarme durante una manifestazione oltre il confine. Scalzo era stato messo ai domiciliari nella sua abitazione.
    Secondo quanto si è appreso, i giudici torinesi hanno specificato che l'eventuale condanna dovrà comunque essere scontata in Italia. I legali di Scalzo ricorreranno in Cassazione. "Ci sembra veramente assurdo - è il testo di un intervento del movimento No Tav - che Francia e Italia continuino a giocare a scacchi con le vite delle persone semplicemente per mantenere buoni rapporti tra i due Stati. Non intendiamo accettare le ingiustizie portate avanti dai tanti Tribunali nei confronti di tutte quelle persone che provano a dare un'alternativa allo status quo della malagestione della situazione delle migrazioni in un'Europa sensibile e solidale solo di facciata". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie