Covid: rabbia commercianti ad Asti, vogliamo poter lavorare

I manifestanti sono stati ricevuti in Prefettura

(ANSA) - TORINO, 07 APR - "La fame è come la tosse, non si può nascondere" e "Lavorare è un bene di prima necessità" sono alcuni dei cartelli esibiti dai commercianti sono scesi in piazza Alfieri, ad Asti, per manifestare il loro desiderio di tornare a lavorare. Ambulanti, partite iva, ristoratori, palestre, negozianti hanno dato vita a un corteo con i propri mezzi per le vie della città e tenuto un comizio sotto la prefettura per ribadire il desiderio di poter tornare a lavorare.
    Presenti alla manifestazione il sindaco, Maurizio Rasero, il vicesindaco con delega al Commercio, Marcello Coppo, e gli assessori regionali Maurizio Marrone e Fabio Carosso. Al termine i manifestanti sono stati ricevuti in prefettura dal vice prefetto Arnaldo Agresta perché il prefetto, Alfonso Terribile, è in quarantena a causa del Covid. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie