Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

OpenAI, dopo il boom calano gli accessi a ChatGpt

OpenAI, dopo il boom calano gli accessi a ChatGpt

Si pensa già alla prossima IA: nasce team per evitarne i rischi

MILANO, 11 luglio 2023, 15:17

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Dopo l'interesse iniziale, sembra che il clamore intorno a ChatGpt stia scemando a poco a poco. I dati del servizio di analisi Similarweb affermano infatti che, in un mese, gli accessi all'intelligenza artificiale di OpenAI sono diminuiti del 9,7% mentre si riducono del 5,7% gli utenti unici del chatbot. In pratica, quasi 6 persone su 100 non usano più la piattaforma. Scende anche il tempo medio speso su ChatGpt, nella sua declinazione web, -8,5%, secondo Similarweb sintomo che l'app sta tornando ad essere una tecnologia per lo più indirizzata a sviluppatori e professionisti piuttosto che alla massa. ChatGpt ha raggiunto i 100 milioni di utenti attivi mensili a gennaio, a due mesi dal lancio. Per gli analisti, il recente rallentamento della crescita potrebbe permettere a OpenAI di fiatare e controllare meglio i costi associati a ChatGpt che, come affermato in precedenza dall'ad Sam Altman, sono "esorbitanti".

Proprio OpenAI pensa già alla prossima generazione dell'IA generativa, conosciuta con il suffisso "Agi", ossia Artificial General Intelligence.

Una tecnologia che potrebbe superare l'uomo in molte attività e che dunque rischia di scatenare ancora di più l'opinione pubblica e i governi sui possibili effetti deleteri per la società. L'organizzazione, volendo anticipare tale scenario, ha confermato la nascita del team "Superalignment", dedicato alla gestione dei rischi legati alle AI "superintelligenti". Il gruppo sarà co-guidato dai due ricercatori di OpenAI, Ilya Sutskever, e Jan Leike. L'azienda dedicherà il 20% delle sue risorse all'iniziativa. "La superintelligenza sembra lontana ma pensiamo che possa diventare realtà già in questo decennio - spiegano da OpenAI - un potere enorme, che potrebbero risolvere problemi globali ma anche portare alla sottomissione dell'umanità o addirittura alla sua estinzione". Il fine è quello di realizzare un sistema, gestito dall'uomo, che indirizzi l'IA su binari etici e condivisi, allineandola costantemente e in maniera automatica, mentre si sviluppano nuove tecnologie.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza