Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Spreco alimentare: Marche, software per rete solidale riuso

Spreco alimentare: Marche, software per rete solidale riuso

Giunta, 480mila euro a progetti Comuni politiche recupero

ANCONA, 28 febbraio 2023, 13:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Regione Marche investe in politiche di recupero degli sprechi alimentari e lo fa mettendo a disposizione dei progetti dei Comuni 480 mila euro nell'ambito del Programma annuale degli interventi di economia solidale e lotta agli sprechi. La giunta regionale ha approvato oggi nella consueta seduta settimanale, una delibera per "stabilire i criteri di ripartizione delle risorse, trasmettendo l'atto alla competente commissione consiliare e al Consiglio delle Autonomie locali per i previsti pareri".
    "Abbiamo voluto incrementare notevolmente la spesa di investimento per questo programma, rispetto allo scorso anno - spiega l'assessore all'Ambiente, Stefano Aguzzi - perché crediamo che, in una fase complessa come quella attuale, sia necessario e altrettanto doveroso mettere in pratica un nuovo modello virtuoso di sviluppo solidale e sostenibile a sostegno di fasce di popolazione più fragili. L'iniziativa sostiene quindi l'idonea conservazione di cibi soprattutto durante le fasi del ritiro e della distribuzione". "La novità di quest'anno - osserva Aguzzi - è la possibilità dell'installazione di un software gestionale che permetterà al cittadino di intercettare, ricevere, comunicare gli alimenti inutilizzati ma anche attrezzature inutilizzate volte alla conservazione degli alimenti, così da realizzare una vera e propria rete efficiente e solidale in ottica di riuso".
    Tra gli investimenti previsti, una parte è destinata a formare gli operatori, alle azioni di comunicazione e la divulgazione delle iniziative intraprese. I Comuni, che saranno i beneficiari di questa misura, dovranno avvalersi anche delle organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale, cooperative sociali e Onlus così da consolidare l'esperienza positiva realizzata nel 2022".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza