Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Fondazione Scarponi, 'città 30 per cambiare approccio culturale'

Fondazione Scarponi, 'città 30 per cambiare approccio culturale'

'Ridurre velocità salva vite. Bologna spartiacque polemiche'

FILOTTRANO, 24 gennaio 2024, 11:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"La città 30 è un'occasione di cambiamento all'approccio culturale e politico alla sicurezza stradale, rivoluzionario e efficace". A sostenerlo è la Fondazione Michele Scarponi, onlus nata nella memoria del campione di ciclismo Michele Scarponi, "l'aquila di Filottrano", morto a 37 anni il 22 aprile 2017 dopo essere stato investito da un autocarro a Filottrano (Ancona) mentre si stava allenando sulle strade di casa. Presieduta dal fratello di Michele, Marco Scarponi, la Fondazione crea, sostiene e finanzia progetti che hanno come fine l'educazione al corretto comportamento stradale.
    "Fin dalla nascita della Fondazione nel 2018, - spiega la onlus - abbiamo sostenuto quest'idea di città perché capace di dare slancio, freschezza, visione, risultati, vita a tutte quelle politiche e chiacchiere sulla sicurezza stradale ripetitive e inefficaci. Con la città 30 si apre un nuovo futuro e un vero presente per la società, fatti di una cultura della sicurezza stradale e della mobilità sostenibile che finalmente mettono la persona al centro di ogni azione sulla strada". "Con la moderazione del traffico lo spazio-strada si allarga di colpo, torna ad essere un bene comune dove la condivisione non è più una concessione, ma regola e partecipazione. Con la riduzione della velocità in ambito urbano si ha una maggiore possibilità di perdonare gli errori delle persone e si salvano più vite". "Salvare vite sulla strada non è forse l'obiettivo che dovrebbe unirci tutti, farci confrontare con i giusti toni e con i dati per evitare la strage che continua ad esserci ogni giorno? - interroga la Fondazione - Da quando la città di Bologna ha deciso di diventare città 30 l'abbiamo sostenuta nel percorso; oggi che è finalmente partito siamo orgogliosi di aver dato la nostra piccola mano. Bologna città 30 è lo spartiacque tra il prima e il dopo di tutte le politiche sulla sicurezza stradale in Italia"; "è lì che sta passando la risposta, è lì che il confronto sta dando i suoi frutti, è lì che dobbiamo partire per salvare ogni vita sulla strada. Mettersi contro non ha alcun senso: abbiamo tutti da guadagnarci, nessuno escluso".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza