Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Denominazione comunale (De.Co) per ravioli 'ncaciati Ascoli

Denominazione comunale (De.Co) per ravioli 'ncaciati Ascoli

Piatto tipico del Carnevale con gallina, brodo, pane, cannella

ASCOLI PICENO, 12 febbraio 2023, 00:20

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"In Ascoli non c'è Carnevale senza lì raviuole". Ascoli Piceno celebra il suo tipico piatto della tradizionale carnevalesca, i ravioli 'ncaciati, iscrivendolo al registro "De.Co" (denominazione comunale). La delibera approvata ieri è stata illustrata presso l'Hotel Marche, presenti gli allievi dell'Istituto Alberghiero 'Celso Ulpiani', istituito 140 anni fa, uno dei più antichi in Italia.
    La ricetta dei "ravioli 'ncaciati" è quella del piatto tipico che si degusta tradizionalmente nelle famiglie ascolane a Carnevale, uno dei piatti tradizionali, tramandati di generazione in generazione, talvolta solo con il passaparola. I "ravioli di gallina" si chiamano così per il ripieno che si prepara con la carne di gallina e il suo brodo utilizzato per bagnare il pane raffermo. Quest'ultimo ingrediente, in particolare la quantità che si aggiunge alla carne, è un elemento rilevante dal punto di vista storico e socio-culturale; nel passato la quantità di pane raffermo variava in base al ceto sociale di appartenenza delle famiglie.
    Quelle meno abbienti aggiungevano tanto pane raffermo alla poca carne, in modo da aumentare la quantità di ripieno e produrre il maggior numero possibile di ravioli. Un'altra particolarità è l'aspetto dei ravioli, chiusi a "cresta di gallo" per richiamare la natura del ripieno ma anche per conferire alla pasta una consistenza più corposa. Prima di servire vengono "spolverati" abbondantemente con pecorino e cannella.
    "Attendevamo questo momento da 2 anni" ha detto la dirigente scolastica dell'istituto Ulpiani Rosanna Moretti, sottolineando "l'importanza di divulgare le tradizioni territoriali coinvolgendo i nostri studenti". "Il regolamento approvato ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali che costituiscono una risorsa e uno strumento di promozione dell'immagine del Comune di Ascoli Piceno - ha commentato il sindaco Marco Fioravanti -.
    Questi prodotti sono la storia del territorio stesso, ma anche il suo futuro".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza