Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ucciso in piazza:l'ex assessore accede alla giustizia riparativa

Ucciso in piazza:l'ex assessore accede alla giustizia riparativa

Oggi seconda udienza, alla vedova della vittima 250mila euro

PAVIA, 03 aprile 2024, 15:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

È ripreso oggi, in un'aula del Tribunale di Pavia, il processo a Massimo Adriatici avvocato di 49 anni, ex assessore leghista alla sicurezza di Voghera, imputato per eccesso colposo di legittima difesa per la morte di Youns El Bossettaoui, ucciso la sera del 20 luglio 2021 da un colpo sparato dalla sua pistola in piazza Meardi nella città oltrepadana. La vittima, un 39enne di origini marocchine alle prese con problemi psicologici che viveva per strada, morì per l'emorragia provocata dal proiettile.
    In apertura di questa seconda udienza (il processo era iniziato lo scorso 2 febbraio) è stato annunciato l'accordo raggiunto tra i difensori di Adriatici (gli avvocati Gabriele Pipicelli e Luca Gastini) e il legale della vedova della vittima, per consentire all'imputato di accedere all'istituto della "giustizia riparativa".
    Nel corso del dibattimento è emerso che l'intesa prevede un risarcimento economico di circa 250mila euro. L'avvocato della vedova (madre di due figli ancora minori) aveva chiesto che l'ex assessore si scusasse pubblicamente. Adriatici ha preferito presentare una lettera nella quale esprime il suo dispiacere per la morte di Youns El Bossettaoui: le scuse, hanno spiegato i suoi legali, sarebbero state un ammissione di colpevolezza che l'imputato respinge. Adriatici, a differenza della prima udienza, oggi è presente in aula. L'ex assessore ha chiesto in apertura di non essere fotografato e ripreso dalle telecamere.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza