Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Yara: Bossetti vince ricorso sui reperti

Yara: Bossetti vince ricorso sui reperti

Si dovrà consentire la ricognizione dei reperti

MILANO, 19 maggio 2023, 21:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' stato accolto dalla Cassazione, con rinvio per nuovo esame davanti alla Corte di Assise di Appello di Bergamo, il ricorso della difesa di Massimo Bossetti - condannato per l'omicidio della minorenne Sara Gambirasio - in tema di indagini difensive funzionali all'eventuale promovimento del giudizio di revisione. La Prima Sezione ha annullato con rinvio l'ordinanza del 21 novembre 2022 della Corte di assise di Bergamo, che, in sede di esecuzione, aveva negato alla difesa di Bossetti il diritto di accedere ai reperti confiscati ai fini dello svolgimento di indagini difensive in vista dell'eventuale revisione del processo.
    Adesso, in seguito alla decisione emessa in camera di consiglio dagli 'ermellini,' al termine di una discussione a porte chiuse, la Corte di assise di Bergamo - e non la Corte di Assise di Appello come scritto in precedenza - dovrà consentire alla difesa la ricognizione dei reperti, nei limiti già autorizzati in precedenti provvedimenti, stabilendo contestualmente le opportune cautele idonee a garantirne l'integrità. All'esito della ricognizione, se la difesa avanzerà nuova specifica richiesta, la Corte di assise - spiegano fonti della Cassazione - dovrà valutare la concreta possibilità di nuovi accertamenti tecnici e la loro non manifesta inutilità.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza