Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Le mura di Bergamo, un docu-choc per non dimenticare

Le mura di Bergamo, un docu-choc per non dimenticare

A Encounters a Berlino il film di Stefano Savona sulla pandemia

BERLINO, 23 febbraio 2023, 17:19

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Campane a morto e sirene. Questo l'incipit de LE MURA DI BERGAMO, docu-film di Stefano Savona che approda al Festival di Berlino a Encounters. Siamo appunto nel marzo del 2020 a Bergamo dove è appena scoppiata un esplosione violenta e inaspettata di Covid-19.
    Prodotto da ILBE - Iervolino & Lady Bacardi Entertainment con Rai Cinema, il docu - in sala a metà marzo con Fandango - non risparmia nulla allo spettatore e gli fa vedere immagini forti.
    Malati intubati in ospedale, infermieri disperati in azione, ospedali strapieni e un centralino costretto a dire: "No non lo porti in ospedale, non c'è posto. Controlli solo se respira, se riesce almeno a dire una frase". Ci sono poi i medici che decidono chi far vivere e morire. E questo secondo il criterio dell'età, l'aspettativa di vita. "Era una vera e propria guerra - dice a un certo punto un'infermiera - in cui i malati combattevano da soli, noi potevamo fare ben poco".
    "All'inizio quando siamo stati colpiti da questa tragedia è stata una sorta di choc - dice il regista all'ANSA -. Penso alle immagini con i camion militari pieni di bare. È stata come una presa di coscienza, qualcosa che non volevamo vedere e quando era già troppo tardi per mettersi in salvo. Volevamo documentare un evento storico cercando di capire e filmare tutto il possibile. Ora, dopo tre anni - spiega Savona -, non è più importante raccontare quello che è successo, ma ricordare quello che, per necessità, abbiamo dimenticato". E le immagini forti che si vedono? "Abbiamo lavorato in tempo reale e dunque ci sono immagini che possono dare fastidio, ma Bergamo è con noi. Molte delle persone che hanno partecipato sono qui con me a Berlino, per loro scelta. Tutti le persone intubate che si vedono sono comunque tutti sopravvissute, siamo stati molto attenti a salvaguardare la dignità e abbiamo avuto il massimo rispetto per tutti coloro che abbiamo ripreso. Se qualcuno parla in camera direttamente con l'operatore è solo perché ha voglia di parlare.
    Abbiamo sempre filmato da una distanza che non desse fastidio e, a volte, se qualcuno ci raccontava la sua storia lo faceva solo in maniera terapeutica".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza