Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bimba ferita con spray, 'da madre violenza impressionante'

Bimba ferita con spray, 'da madre violenza impressionante'

Riesame conferma carcere, 'inquietante, al vaglio altri episodi'

MILANO, 20 febbraio 2023, 18:30

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La donna ha mostrato una "inquietante personalità" e una "impressionante capacità di violenza", rimanendo persino "insensibile" di fronte "alle reiterate e sempre più forti urla di dolore della figlia". Lo scrive il Tribunale del Riesame di Milano nel provvedimento con cui ha confermato la custodia cautelare in carcere per la 27enne arrestata il 3 febbraio scorso per maltrattamenti aggravati sulla bimba di soli 17 mesi.
    Stando alle indagini della Squadra mobile e del pm Pasquale Addesso, la giovane spruzzava dello spray deodorante a distanza ravvicinata provocando lesioni e ustioni sulla pelle della piccola. La bimba negli ultimi 6 mesi era stata ricoverata in tre ospedali, tra Varese e Pavia, e poi al Policlinico di Milano dove i medici si sono accorti che quelle lesioni potevano essere state causate dalla madre. Gli investigatori a quel punto hanno piazzato delle microcamere che hanno registrato i momenti in cui la donna causava quelle ferite alla bimba. Ed è scattato l'arresto.
    Respingendo anche la richiesta di arresti domiciliari in un luogo di cura, avanzata dal legale Vincenzo Sparaco, i giudici (Pendino-Cucciniello-Alonge) nell'ordinanza di 12 pagine fanno anche riferimento al fatto che le indagini non sono affatto concluse e che "appare comunque fondatamente ipotizzabile che analoghi episodi" ai danni della bimba "si siano verificati con una certa costanza sin dai primi mesi di vita della minore".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza