Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Frodi nell'edilizia', 3 arresti e sequestri per 163 milioni

'Frodi nell'edilizia', 3 arresti e sequestri per 163 milioni

Intercettazioni, al telefono i soldi erano 'mattonelle'

MILANO, 09 febbraio 2023, 18:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I carabinieri del Gruppo tutela lavoro e il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Milano, in un'inchiesta del pm milanese Grazia Colacicco, hanno eseguito 7 misure cautelari (una in carcere, 2 ai domiciliari e 4 obblighi di dimora) e hanno eseguito un sequestro preventivo per poco meno di 163 milioni di euro e 45 perquisizioni su un totale di 22 indagati. L'inchiesta ha accertato, si legge in un comunicato del procuratore Marcello Viola, "l'esistenza di un articolato sistema di frode nel settore dell'edilizia", che vede coinvolti imprenditori delle province di Bergamo e Brescia, "finalizzato a dissimulare somministrazioni irregolari di manodopera attraverso fittizi contratti di appalto-subappalto e alla sistematica evasione dei relativi oneri fiscali e previdenziali, mediante il meccanismo della compensazione con crediti di imposta inesistenti".
    Le indagini, scattate nel 2016 dopo "un accesso ispettivo in un cantiere edile del Pavese", hanno permesso di individuare "una serie di società assistite" da un unico commercialista che "mensilmente, portavano in compensazione i contributi assicurativi e previdenziali relativi alla numerosa manodopera, vantando dei crediti di imposta risultati inesistenti".
    "Magliette", "metri quadri", "mattonelle", "puntelli", ma anche "un goccino d'olio". Sono tutti termini del "linguaggio criptico" utilizzato, per fare riferimento al rientro di soldi illeciti in Italia anche attraverso 'spalloni' dalla Croazia, da Francesco Romano Paris e altri indagati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza