Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Processo per scritta 'Fontana assassino', presidio antagonisti

Processo per scritta 'Fontana assassino', presidio antagonisti

Iniziato a Milano. Responsabili Carc imputati per imbrattamento

MILANO, 16 gennaio 2023, 12:39

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un presidio "di solidarietà" si è svolto stamani davanti al Palazzo di Giustizia di Milano con la partecipazione di alcuni antagonisti dei Carc, Comitati di appoggio alla resistenza per il comunismo, in occasione della prima udienza del processo a carico di due responsabili del movimento imputati per imbrattamento in relazione alla scritta "Fontana assassino", che comparve nel maggio di tre anni fa su un muro in zona Martesana, nel capoluogo lombardo, nella fase della prima ondata pandemica Covid.
    Pablo Bonuccelli e Claudia Marcolini avevano già rivendicato anche con una conferenza stampa di essere gli autori di quella scritta e nel frattempo la Procura milanese, per quella ed altre scritte dello stesso tenore, avevano aperto all'epoca un fascicolo per diffamazione e mincacce. Il processo in corso, davanti al giudice della ottava penale Orsola De Cristofaro, è per l'imputazione di imbrattamento ed è stato subito rinviato oggi ad altra data.
    Il processo, hanno affermato i Carc in una nota distribuita nel corso del presidio, "inizia non per 'terrorismo' o 'minacce', né per 'diffamazione', ma per imbrattamento e la cosa farebbe ridere, se non ci fossero di mezzo i morti" per la pandemia e la "impunità dei responsabili di quella strage".
    Quella scritta, hanno ribadito gli antagonisti, "affermava la verità" sugli "effetti della gestione criminale della pandemia".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza