Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tende e tovaglie, il 'lessico familiare' diventa abito

Tende e tovaglie, il 'lessico familiare' diventa abito

A Milano defilé e mostra per Scaburri, Petillo e Alice Curti

MILANO, 13 gennaio 2023, 19:04

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Stuoie, tende, tovaglie, abiti ripescati da vecchi armadi o passati da amici costruiscono il 'lessico familiare' di Riccardo Scaburri, Alberto Petillo e Alice Curti, che presentano la loro collezione Cocktail alla fondazione Sozzani di Milano, dove fino al 12 febbraio i capi saranno protagonisti di una mostra temporanea. Ogni settimana interagiranno con linguaggi differenti: il lessico materico dei vasi di Aponteboretti, quello musicale di Gilda Manfrin, e infine immaginario, con un'installazione di GianMarco Porru.
    Persone e linguaggi legati al mondo di lessico familiare, progetto di abbigliamento domestico nato nel 2020 "per noia e per allegria" e chiaramente ispirato al celebre romanzo di Natalia Ginzburg. Progettato e assemblato rigorosamente in casa, è fatto di capi smontati e riassemblati, spesso ingigantiti, aggiungendo tende dismesse e arricciando tovaglie. La collezione cocktail, presentata con un défilé performativo, è fatta di abiti cocoon che si aprono rivelando stampe imprevedibili, minigonne imbottite, camicie oversize con ricami, rouches e fiocchi, balaclava tipo criniera. Tutto, ovviamente, in un pastiche dei tessuti di riciclo più disparati, dal tulle al nylon, dal pile agli acetati alla seta.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza