Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Energia: Gruppo San Donato,a rischio anche sistema sanitario

Energia: Gruppo San Donato,a rischio anche sistema sanitario

Stima aumento gas nel 2022 890%, +260% energia elettrica

MILANO, 31 agosto 2022, 18:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

I rincari dei costi dell'energia e del gas hanno un forte impatto anche sulla sostenibilità delle strutture sanitarie. Il Gruppo San Donato, che con 56 strutture è uno dei più grandi gruppi ospedalieri privati italiani, stima nel 2022 un aumento dell'890% del costo del gas di circa e del 260% di quello dell'energia elettrica, nonostante il taglio degli oneri in bolletta già applicato dal Governo. Una "situazione preoccupante", che mette a rischio la tenuta del sistema sanitario. Per questo motivo, il Gruppo San Donato chiede di inserire le aziende ospedaliere "a pieno titolo" nell'elenco delle imprese energivore e gasivore.
    "Diamo atto al Governo di aver messo in campo importanti sforzi per spingere verso un accordo europeo che definisca un tetto al di sopra del quale gli operatori non potranno acquistare energia - commenta Kamel Ghribi vicepresidente Gruppo San Donato - In virtù dell'elevatissimo consumo energetico che l'attività ospedaliera impone, è necessario un intervento urgente e mirato che preveda l'incremento delle risorse assegnate, chiedendo che siano ripartite equamente tra tutte le strutture ospedaliere pubbliche e private che erogano prestazioni per conto del Servizio Sanitario Nazionale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza