Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Base la Temporary Home dell'economia circolare

A Base la Temporary Home dell'economia circolare

Da rifiuti a cibo, da feci a humus, la visione di 5 designer

MILANO, 06 giugno 2022, 18:12

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Una guesthouse per cinque giovani designer, invitati a riflettere sull'economia circolare: è la Temporary Home di We will design, la collettiva di Base Milano per il FuoriSalone. La designer e ricercatrice tedesca Rebecca Schedler, in collaborazione con Goethe-Institut Mailand, è presente con "Symbiopunk", un bioreattore e sistema di compostaggio che converte le feci umane in humus fertile, mentre con "Proposals for a Prevailing World - Vol.I" il designer olandese Joppe Broers propone una mappatura di tutte le specie estinte conosciute dal 1800 in poi, per riflettere sulla rapida urbanizzazione del pianeta. In "The Big Assembly" il designer e scenografo francese Goliath Dyèvre, in collaborazione con Institut français Milano - Institut français Paris, si interroga sulla natura dell'innovazione attraverso la trasformazione dei materiali presenti nella nostra vita quotidiana, mentre con "The Growing Sneakers" l'eco-social designer italiano Nicholas Rapagnani, in collaborazione con i laboratori FaST Lab della Libera Università di Bolzano ed il brand Salewa (gruppo Oberalp), riflette sul ciclo di vita delle scarpe da ginnastica per trovare soluzioni più sostenibili. Il focus del progetto è la sperimentazione di materiali organici a base di micelio in laboratorio come risposta all'attuale produzione di massa. La sostenibilità entra anche in cucina con Eleni Michael e Kaajal Modi che, grazie alle loro conoscenze sulla fermentazione alimentare, utilizzeranno i rifiuti alimentari di casaBASE per sperimentare cibi e bevande da degustare all'interno dell'installazione.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza