Covid: anche a Milano si torna da parrucchiere ed estetista

E c'è chi lamenta "concorrenza sleale" da chi ha lavorato a casa

(ANSA) - MILANO, 12 APR - Stop con la tinta fai da te o il taglio della frangia in casa, da oggi anche a Milano, con l'ingresso in fascia arancione della Lombardia, hanno potuto riaprire parrucchieri e centri estetici e i clienti ne hanno subito approfittato dopo un mese di chiusura. Nei saloni di bellezza e dai parrucchieri niente code perché si entra solo con prenotazione ma i telefoni sono bollenti da questa mattina e chi può si è portato avanti già sabato prenotando con le app.
    "Siamo pieni di richieste e ci chiamano già da ieri - ha spiegato Domenico Di Modugno, titolare di un parrucchiere della catena Jean Louis David di Milano -, oggi in salone avremo almeno 40 persone scaglionate in diversi orari. Certo ancora non possiamo riempiere il negozio come prima del Covid, per noi questo mese di chiusura è stato disastroso a livello economico e siamo disperati perché gli incassi persi non si recuperano". Un fenomeno che ha indispettito molti professionisti è quello di chi, non rispettando le regole, ha comunque continuato ad andare a casa delle clienti per fare pieghe, tagli o manicure: "Per noi è stata una concorrenza sleale". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie