Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Carceri: al Beccaria progetto educativo ascolto con Mussida

Carceri

Carceri: al Beccaria progetto educativo ascolto con Mussida

Al via a marzo "Swimmer - nuotare nel mondo delle emozioni"

MILANO, 12 febbraio 2021, 14:56

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Prenderà il via a marzo al carcere minorile Beccaria di Milano "Swimmer - nuotare nel mondo delle emozioni", un progetto culturale ed educativo basato sull'ascolto ideato da Franco Mussida, CPM Music Institute e Suoni Sonori, con il sostegno di Fondazione Cariplo e il Ministero della Giustizia.
    L'obiettivo è far sentire ai giovani il patrimonio racchiuso in migliaia di brani di musica strumentale raccolti nell'audioteca CO2, un progetto già collaudato nelle carceri dal 2013.
    "Swimmer" - spiega Mussida - mette al centro il ruolo della Musica e del suono, oltre il suo consueto uso espressivo o ricreativo. È frutto di un lavoro di una decina di anni, durante i quali si è osservato il rapporto tra la sensibilità degli ascoltatori e ciò che di emotivo veniva trasmesso dalla comunicazione non verbale, ovvero i contenuti e le intenzioni emotive della Musica strumentale di ogni genere e stile". "Il carcere - riflette il musicista - è un luogo in cui ragione ed emotività convivono in modalità incoerente, unitamente ai dolori e alle speranze che lì si vivono e coltivano. Ma è anche un luogo in cui si cercano e si trovano le più improbabili armonie.
    Mi piace immaginarlo come un laboratorio di Formula 1, dove tutto ciò che è emotivo si esaspera ed ha bisogno di essere compreso, gestito, governato. La speranza mia, e di chi a questi progetti sperimentali lavora, è che il prodotto educativo che esce da questi luoghi possa essere fruito dal pubblico tutto".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza