Antagonista regala libro su Mussolini a Salvini, 'mi scuso'

(V. 'Salvini in aula a Milano, io minacciato ...' delle 11.34)

(ANSA) - MILANO, 30 OTT - "C'è stato un mio errore nei toni, li ho usati mali e mi scuso in questo senso". Così si è espresso davanti al giudice di Milano Valerio Ferrandi, accusato di avere diffamato e minacciato su Facebook il 25 aprile 2016 l'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini, che oggi ha testimoniato come parte civile.
    Il giovane antagonista milanese, assistito dai legali Eugenio Losco e Mauro Straini, fuori dall'aula ha regalato a Salvini, assistito dall'avvocato Claudia Eccher, il libro di Antonio Scurati su Mussolini e ha detto che ci potrà essere la "volontà comune di chiudere questo processo" con una conciliazione. Si è anche detto disponibile a fare una donazione "alle brigate volontarie per l'emergenza". Salvini gli ha consigliato di farla all'ospedale Buzzi di Milano e il giovane ha replicato: "Si può valutare, non c'è problema".
    Il giudice in aula ha invitato più volte le parti a trovare una "componimento" della vicenda per chiudere il processo e le parti lavoreranno in questo senso. Intanto, il processo è stato rinviato all'11 dicembre. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano



      Modifica consenso Cookie