Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Clochard preso a sprangate da un sedicenne a Sarzana

Clochard preso a sprangate da un sedicenne a Sarzana

Il ragazzo che l'ha colpito è stato indagato per tentato omicidio

GENOVA, 01 aprile 2024, 18:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' in prognosi riservata con molteplici fratture alla testa il clochard che sabato sera è stato colpito più volte alla testa con una spranga di ferro da un ragazzino di 16 anni. Ricoverato fin dai primi minuti dopo i fatti all'ospedale spezzino di sant'Andrea l'uomo, che ha 46 anni ed è italiano, è in condizioni gravi ma stabili. Il ragazzo che l'ha colpito è stato indagato per tentato omicidio. Ci sono poche certezze su quanto è avvenuto quella notte a Sarzana. Poche certezze e molti dubbi che non sono stati fugati dalle parole rese dal ragazzino ai carabinieri. Tutto è successo nella notte tra il 30 e il 31 marzo, tra mezzanotte e l'una, nella zona intorno alla stazione di Sarzana. Il ragazzino è con alcuni amici e scende in un sottopasso dove, casualmente, incontra il clochard in compagnia del suo cane. Tra il ragazzino e l'uomo scoppia una lite. Non si conoscono i motivi.

Sta di fatto che, secondo quanto raccontato dal ragazzo, l'uomo avrebbe messo una mano in tasca. Il giovane, pensando che fosse armato di un coltello, avrebbe raccolto una spranga che casualmente si trovava per terra e l'avrebbe colpito più volte alla testa e al volto. Poi si sarebbe allontanato assieme agli amici. Qualcuno chiede aiuto e il clochard viene portato d'urgenza all'ospedale Sant'Andrea. Il ragazzino viene rintracciato dai carabinieri di Sarzana poco lontano. Gli uomini dell'arma chiamano i genitori e insieme vanno tutti in caserma. Qui il ragazzo rende spontanee dichiarazioni e racconta di aver preso la spranga e di aver colpito l'uomo per paura che avesse un coltello.

Una volta informato il magistrato di turno della procura presso il tribunale dei minori il ragazzo torna a casa: i suoi avvocati ancora non l'hanno visto ma dicono che la famiglia è distrutta e il ragazzo è chiuso in camera sua. Il clochard resta in ospedale: oltre ad alcune fratture del cranio la tac ha evidenziato un ematoma subdurale e una piccola emorragia subaracnoidea. E' in prognosi riservata ma dicono i medici non in pericolo di vita. I carabinieri nel più totale riservo svolgono indagini tanto accurate quanto delicate. Il clochard è molto conosciuto a Sarzana dove tanti lo hanno sempre visto assieme al suo cane alla stazione o davanti al supermercato. I militari raccolgono testimonianze e acquisiscono i filmati della videosorveglianza cittadina per capire cosa veramente sia successo la notte del 30 marzo tra il ragazzino e il clochard.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza