Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Presidente Appello Genova, aumentano i reati contro le donne

Presidente Appello Genova, aumentano i reati contro le donne

Vidali, per svolta culturale c'è maggiore emersione dei reati

GENOVA, 27 gennaio 2024, 11:27

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Aumentano a Genova i reati contro le cosiddette fasce deboli che passano da 705 a 987. "Si assiste a un progressivo aumento della perpetrazione di tali condotte e non ci si può esimere dall'interrogarsi sull'origine di tale incremento". È quanto emerge dalla relazione della presidente della corte d'appello di Genova Elisabetta Vidali nel corso dell'inaugurazione dell'anno giudiziario.
    "Deve anzitutto rilevarsi che si tratta di tipologie di reato che solo recentemente, per una svolta propriamente culturale, hanno registrato una maggiore emersione rispetto al silenzio serbato da sempre su comportamenti ritenuti privati e consumati all'interno della famiglia", spiega Vidali. "Va detto poi che al progressivo aumento delle denunce per maltrattamenti non corrisponde fisiologicamente la conclusione del procedimento con la condanna, risultando frequenti le ritrattazioni da parte della denunziante, talvolta fondate su un effettivo recupero del rapporto interpersonale col denunciato, talaltra sul ridimensionamento dei contenuti stessi della denunzia, rivelatasi scaturire più che altro da una conflittualità interpersonale o motivi economici, o, più frequentemente, ridimensionati sulla spinta di ulteriori intimidazioni, che causano un timore incombente per l'aggravato stato di soggezione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza