Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Pg Genova, non sottovalutare le denunce delle donne

Pg Genova, non sottovalutare le denunce delle donne

Pinelli, accantonare retaggio culturale e professionale

GENOVA, 27 gennaio 2024, 12:22

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"È di primaria importanza" di fronte alle denunce della donne che "non segua mai una sottovalutazione da parte di forze di polizia e magistratura come purtroppo a volte è capitato". È quanto sottolinea il procuratore generale di Genova Mario Pinelli nel corso della sua relazione per l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Sottovalutazioni fatte "non certo per incapacità o malafede quanto piuttosto perché determinate condotte non sono apparse gravemente offensive o magari perché si sia ritenuto di scorgere tra le pieghe della vicenda elementi accreditanti l'idea che la stessa donna fosse, in certo senso, consenziente ad accettare determinati atteggiamenti dal partner".
    "Tutto ciò, dinanzi all'allarmante quadro che le cronache giornaliere di consegnano, deve cessare - prosegue Pinelli - e formare oggetto di un retaggio culturale e professionale da accantonarsi definitivamente". "È più auspicabile un cambio di passo su aspetti qualitativi e sostanziali che non invece sul numero dei giorni occorrenti per ascoltare la persona offesa o per assumere decisioni di ordine cautelare e, forse, andrebbe più proficuamente rimodulato l'approccio alla delicata materia da parte degli addetti ai lavori" conclude.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza