Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Svelata la scenografia del festival di Sanremo

Svelata la scenografia del festival di Sanremo

Gaetano e Maria Chiara Castelli, "Una suggestione floreale"

ROMA, 25 gennaio 2024, 13:08

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un fiore sbocciato sul palco dell'Ariston, tra giochi di specchi e trasparenze: è la suggestione che - abbandonando la dimensione puramente orizzontale/verticale - ha accompagnato Gaetano e Maria Chiara Castelli nell'ideare la scenografia del Festival di Sanremo 2024, che tornano a firmare lui per la ventiduesima volta e lei per la decima.
    "Quest'anno - dicono - abbiamo voluto affidarci a forme organiche, prendendo spunto da un fiore come l'orchidea e dai suoi petali, esasperandone le forme, per disegnare in modo morbido anche le due scale laterali, volute da Amadeus, dalle quali scenderanno gli artisti in gara. La parte centrale, invece, sarà automatizzata e si potrà alzare per diventare la 'porta' di conduttori e ospiti verso il palco, sotto il quale trova spazio l'orchestra". Il tutto "illuminato" da un gioco di materiali scenografici semitrasparenti che possono dare alternativamente l'effetto di vetri o specchi: "È stato un lavoro molto impegnativo e complesso - aggiungono - che ha direttamente coinvolto il direttore della fotografia, Mario Catapano, e il gruppo che si occupa della grafica, proprio perché si tratta di un'illuminazione che ha abbandonato i tradizionali proiettori su americane e che è fortemente integrata alla scenografia, con effetti sorprendenti per le 'trasformazioni' che può creare sul palco dell'Ariston. E non solo, perché anche la platea entrerà nella scenografia con un elemento specchiato sospeso".
    Un lavoro cominciato già a marzo del 2023, poco dopo la fine del Festival, e che si è concretizzato con l'inizio della costruzione della scenografia al Teatro Ariston, ai primi di dicembre. "Un lavoro davvero non semplice, ma che ci auguriamo possa essere degna e suggestiva cornice televisiva e teatrale per il quinto Festival di Amadeus. E ci teniamo a ringraziare il nostro collaboratore Manuel Bellucci e tutti i professionisti Rai della scenografia, delle luci e della grafica che hanno contribuito a questa nuova creazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza