Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Calcio: nuova protesta dei tifosi dello Spezia al Ferdeghini

Calcio: nuova protesta dei tifosi dello Spezia al Ferdeghini

Ad Gazzoli, 'La squadra non è in vendita'

LA SPEZIA, 29 novembre 2023, 20:00

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Al grido di "non vi vogliamo" rivolto ai direttori sportivi e alla proprietà oltre un centinaio di tifosi dello Spezia Calcio ha protestato questa sera davanti alla sede del club al centro sportivo Ferdeghini contro la gestione del club, terzultimo in classifica in serie B e reduce dalla sconfitta contro la Sampdoria.
    Ennesimo duro faccia a faccia davanti ai cancelli tra la dirigenza della squadra e i tifosi che hanno avuto un confronto con l'amministratore delegato Andrea Gazzoli, accompagnato ai cancelli dal suo omologo Nicolò Peri. L'attività sportiva sul campo è stata sospesa per ragioni di sicurezza.
    Gli ultras hanno esposto uno striscione di protesta, proprio lì dove un paio di settimane fa è stata fatta ritrovare una testa mozzata di maiale, e invitato il club a licenziare il direttore tecnico Eduardo Macia e il direttore sportivo Stefano Melissano, responsabili di un calciomercato ritenuto insoddisfacente, insieme al capo dell'area marketing Luca Scafati, a cui viene imputata la scelta del cambio del logo, mal digerito dalla piazza.
    "Non ci sono i presupposti per mandarli via", ha risposto Gazzoli, rassicurando poi sul procedere dei lavori allo stadio Picco, che saranno terminati nel giro di qualche settimana.
    Smentite anche le voci di disimpegno dal club da parte della famiglia americana Platek: "Lo Spezia non è in vendita". Nel frattempo il tecnico Luca D'Angelo, subentrato da due settimane, affronta sabato la sua seconda partita sulla panchina aquilotta contro la corazzata Parma.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza