Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Omicidio Scagni: fascicolo bis, nuove accuse per agenti e medico

Omicidio Scagni: fascicolo bis, nuove accuse per agenti e medico

Ipotizzata la morte come conseguenza di un altro reato

ROMA, 16 marzo 2023, 19:40

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Sono indagati anche per morte come conseguenza di altro reato i due agenti della centrale operativa di Genova e la dottoressa della Salute mentale iscritti nel fascicolo bis nato dopo l'omicidio di Alice Scagni. La donna era stata uccisa dal fratello Alberto lo scorso primo maggio sotto casa a Quinto. Il reato era stato già ipotizzato dai genitori dei due in un esposto che avevano depositato a settembre, tramite l'avvocato Fabio Anselmo.
    Per i genitori, dunque, non si trattò solo di omissioni ma di comportamenti gravissimi da cui derivò la morte di Alice.
    Secondo i familiari sarebbero stati sottovalutati gli allarmi e le richieste di aiuto: se fossero stati ascoltati e se si fosse intervenuti, Alice si sarebbe salvata. La procura aveva aperto un fascicolo per omissione d'atti d'ufficio e omissione di denuncia. Scagni (difeso dagli avvocati Maurizio Mascia ed Elisa Brigandì) aveva ucciso la sorella, madre di un bimbo di un anno e 4 mesi, perché voleva più soldi dalla famiglia. Nella denuncia, i genitori ripercorrono l'escalation di violenza prima dell'omicidio: dai pugni contro la casa della nonna in piena notte fino al tentato incendio della porta dell'anziana e la telefonata di minacce fatta ai genitori sette ore prima dell'omicidio.
    Ieri la procura ha chiesto il rinvio a giudizio per Alberto: è accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dalla crudeltà. L'udienza preliminare è prevista per il 4 aprile davanti al giudice Matteo Buffoni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza