Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Agende Rosse, mafia si è ormai trasferita al nord

Agende Rosse, mafia si è ormai trasferita al nord

Sopravvissuto stragi 92-93, Messina Denaro sveli mandanti

GENOVA, 07 marzo 2023, 10:59

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Circa il 40% dei sequestri di cocaina avvengono nei porti liguri, e negli ultimi mesi ci sono state operazioni che hanno coinvolto anche gli scali di Savona e Vado con quantità di droga molto ingenti. In liguria ci sono 476 beni sequestrati alla mafia, circa 130 dei quali a Genova e gli altri distribuiti in 44 comuni. Bastano questi numeri, ricordati dal presidente della commissione regionale antimafia Roberto Centi, a dare il segnale della presenza delle organizzazioni criminali, in particolare della 'ndrangheta, in Liguria.
    Numeri che sono stati ricordati ai 2 mila studenti presenti al Teatro Carlo Felice e ai 10 mila utenti collegati in streaming che hanno partecipato all'incontro promosso dal Movimento Agende Rosse Liguria che si propone di rappresentare, attraverso le testimonianze dirette di parenti delle vittime e dei testimoni diretti degli eventi, il problema delle mafie alle giovani generazioni. "Una mafia che è sempre più nascosta - ha ricordato Angelo Garavaglia Fargetta, cofondatore del movimento Agende Rosse - e che, dopo le stragi del 92/93 ha cercato di nascondersi sempre più e si è mano a mano trasferita al nord".
    Un momento di riflessione che arriva poco dopo l'arresto di Matteo Messina Denaro.
    "Questo è un arresto importante perché Messina Denaro è l'ultimo stragista - ha sottolineato Garavaglia Fargetta -.
    Staremo a vedere che cosa succede anche se io giudico ancora più importante l'arresto della sorella per ciò che può nascondere e per quello che sta emergendo".
    "Sicuramente cambierebbe qualcosa se lui cominciasse a parlare - aggiunge Angelo Corbo, sopravvissuto alla strage di Capaci - e raccontare cos'è successo, non solo nel 92-93 ma anche in questi trent'anni di latitanza. Fino a quando non ci racconterà questa storia sarà solo un arresto eccellente, un altro stragista arrestato, ma questo non significa che la mafia è finita. Dobbiamo sperare che si decida a parlare e raccontare chi sono i veri mandanti delle stragi".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza