Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Carlo Felice una Tosca da applausi

Al Carlo Felice una Tosca da applausi

Ovazione per il "Vissi d'arte" di Maria Josè Siri

GENOVA, 26 febbraio 2023, 21:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblico delle grandi occasioni, ieri sera, al Carlo Felice per "Tosca". L'opera pucciniana fra i titoli più popolari in assoluto e il teatro genovese ha registrato il tutto esaurito.
    Cornice festosa per un bello spettacolo che riprendeva la regia firmata alcuni anni fa da Davide Livermore proprio per il teatro genovese. Una lettura incisiva, moderna ma pucciniana nel dare spazio alle emozioni, alle passioni più violente. "Tosca" è l'opera più sadica del teatro musicale: tutti ingannano tutti e tutti alla fine soccombono. Ma è anche una storia dalle passioni estreme e Livermore le amplifica e le mostra anche quando (si pensi alle torture di Cavaradossi) Puccini le relegava fuori scena.
    Livermore ha ideato una scena rotante costituita da un grande triangolo pendente che ruotando non solo genera i diversi spazi (la Chiesa, il Palazzo Farnese, Castel Sant'Angelo), ma offre una visuale dell'azione da angolazioni differenti.
    Bella l'idea finale di bloccare Tosca quando sta per gettarsi da Castel Sant'Angelo con l'Angelo che si protende verso di lei a volerla proteggere: un fermo immagine di stampo cinematografico e del resto che Puccini sia stato un precursore del cinema è stato sottolineato più volte.
    La direzione musicale era affidata a Pier Giorgio Morandi che ha dato ampio fiato alla passionalità che attraversa i tre atti pucciniani. L'orchestra del Lucchese è densa, ricca, corposa e molto sonora. Abbandonarsi alla veemenza di certi slanci può risultare rischioso per l'equilibrio fra buca e palcoscenico. E in effetti in più di un'occasione le voci hanno faticato ad emergere come nella scena a Palazzo Farnese.
    Le voci hanno in parte risentito di questo problema, tuttavia, hanno entusiasmato la platea nelle pagine più famose: così Maria Josè Siri, temperamento assai drammatico, ha ricevuto un'ovazione dopo "Vissi d'arte" al pari del generoso tenore Riccardo Massi dopo "E lucevan le stelle". Efficace lo Scarpia di Amartuvshin Enkhbat e bene con i cori anche gli altri, da Dongho Kim a Matteo Peirone, da Manuel Pierattelli a Claudio Ottino e alla giovanissima Maria Guano.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza