Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sindacati scuola contro autonomia differenziata. 'Diseguaglianze

Sindacati scuola contro autonomia differenziata. 'Diseguaglianze

Presidio davanti a Prefettura Genova. 'Liguria penalizzata'

GENOVA, 23 febbraio 2023, 14:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

 "L'autonomia differenziata divide il Paese, perché un conto è ragionare sul ruolo e sulle capacità amministrative delle Regioni, altro, invece, e spezzettare settori come quello dell'istruzione". Elena Bruzzese, segretario Flc Cgil Genova, riassume così le ragioni della mobilitazione che ha portato in presidio, davanti alla prefettura di Genova, i rappresentanti di Flc Cgil, Uil Scuola e Gilda. "Quello che rischiamo è un aumento delle diseguaglianze - prosegue - con retribuzioni differenti a seconda della capacità economica delle regioni, e questo oltre a creare divari non è costituzionale".
    All'iniziativa è collegata anche una raccolta firme che ha lo scopo di preservare il sistema pubblico scolastico, per portare in Parlamento una legge di iniziativa popolare che miri a tutelare la dimensione statale e nazionale del sistema di istruzione. "Noi diciamo un secco no alla regionalizzazione della scuola - spiega Davide D'Ambrosio, segretario generale di Uil Scuola Liguria - e con questa raccolta firme chiediamo una legge che riesca a fermare questa tendenza. La scuola deve essere unica su tutto il territorio nazionale, statale, e gli alunni devono avere gli stessi diritti e le stesse opportunità di formazione, da nord a sud".
    Una riforma che, tra l'altro, danneggerebbe particolarmente la Liguria. "La nostra regione, con questa riforma, avrebbe meno di quanto ha attualmente - conclude Andrea Carosso, di Gilda Liguria - perché non siamo una regione forte come la Lombardia o l'Emilia Romagna e in una situazione come la nostra dov'è si prendono cento maestri l'anno e ne vanno in pensione duecento rischiamo di avere docenti non specializzati che insegnano, o maestre e insegnanti di sostegno che non hanno titolo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza